News

Vaccini: cosa fare per entrare a scuola

13 Set 2018

La polemica attorno alla questione vaccini è scoppiata di nuovo con l’apertura delle scuole. Il decreto milleproroghe nel testo approvato alla Camera stabilisce che anche per l’anno 2018-2019 sarà necessario portare il certificato Asl di vaccinazione anche se con uno slittamento a marzo 2019.

Mentre il testo approvato al Senato prevedeva che l’obbligo di vaccinazione sarebbe scattato solo dall’anno scolastico 2019-2018, le modifiche introdotte in terza lettura alla Camera, riportano l’obbligo all’attuale anno scolastico seppure con un differimento al 10 marzo 2019.

Affinché le disposizioni diventino legge però, servirà un ulteriore passaggio al Senato per l’approvazione definitiva nel testo di Montecitorio senza modifiche.

 

Vaccini: cosa fare per entrare al nido e alla scuola materna

Al nido e alla scuola materna si entra solo se vaccinati. Per quanto riguarda le scuole elementari si potrà entrare anche senza certificato Asl pagando una sanzione da 100 a 500 euro con la possibilità però di presentare una autocertificazione da parte dei genitori o di chi ne fa le veci che sostenga che il bambino o la bambina sono in regola con le vaccinazioni.

È ovvio che sarà passibile di denuncia il genitore che presenterà una documentazione falsa.

Bambini che non possono essere vaccinati per motivi di salute

Sempre per quanto riguarda la scuola dell’obbligo, quindi elementari e medie, i bambini che non possono essere vaccinati per motivi di salute dovranno presentare la necessaria documentazione che lo attesti. Questi verranno inseriti in classi dove non siano presenti solo bambini o bambine vaccinati.

 

Quali sono i vaccini obbligatori

Il decreto Lorenzin (ex ministro della Salute del Governo Gentiloni) stabilisce come vaccini obbligatori:

  • anti-polio
  • anti-difterite
  • anti-tetanica
  • enti-epatite B
  • anti-pertosse
  • anti-Haemophilus influenzae tipo b
  • anti-morbillo
  • anti-rosolia
  • anti-parotite
  • anti-varicella.

Questo il calendario previsto in base all’età:

  • Tre mesi: prima dose di difterite, tetano, pertosse, polio, epatite B, Haemophilus Inlfuenzae di tipo B (raccomandate la prima dose di meningococco B e pneumococco)
  • Quattro mesi: raccomandata la seconda dose di meningococco B
  • Cinque mesi: seconda dose di difterite, tetano, pertosse, polio, epatite B, Haemophilus Influenzae di tipo B
  • Sei mesi: raccomandata la terza tose di meningococco B
  • 3-7 mesi: raccomandate la seconda e terza dose del rotavirus
  • 11 mesi: terza dose di difterite, tetano, pertosse, polio epatite B, Haemophilus Influenzae di tipo B. Raccomandata la terza dose di pneumococco
  • 13 mesi: raccomandata la terza dose di pneumococco
  • 13-15 mesi: prima dose di morbillo, parotite e rosolia e prima dose di varicella. Raccomandata la prima dose di Meningococco C
  • 6 anni: obbligatorio il richiamo a difterite, tetano, pertosse e polio; più il richiamo di morbillo, parotite, rosolia e varicella
  • tra i 12 e i 18 anni: richiamo di difterite, tetano, pertosse, polio. Raccomandate l’HPV e il richiamo del meningococco C.

 

NOTIZIE CORRELATE

News

San Valentino, Salvini, Virginia Raffaele e il satanismo: l’ironia web

15 Feb 2019

È appena terminato San Valentino e noi non possiamo che iniziare questa rassegna social parlando della festa degli innamorati.   Il 14 febbraio è il giorno in cui le coppie festeggiano e si fanno regali.   E Salvini, dopo la

News

E-Gap: parte da Milano il servizio per ricarica veicoli elettrici

di Manuela Michelini, 12 Feb 2019

Milano può arrogarsi il merito di essere la città pilota e ospitare un’autentica novità nel settore della mobilità elettrica. Parte infatti in questo mese di febbraio, dalla città meneghina, E-Gap il servizio di ricarica in mobilità di veicoli elettrici. Inaugurato

News

Travel influencer: la nuova frontiera dei consigli di viaggio

di Martina Perrone, 8 Feb 2019

Fino a pochi anni fa, se non si aveva un’idea precisa per la vacanza dell’anno, quella in cui investire la quattordicesima e la maggior parte delle ferie, si andava in agenzia di viaggi, ci si faceva ispirare dai cataloghi dei