Rassegna Social

Il pugno di Toninelli, il Padre Nostro e Spelacchio: l’ironia dei social

di Fabio Tilocca, 16 Nov 2018

Bentornati a questa nuova rassegna social, oggi il web si è concentrato più che su una notizia, su un’immagine che la riguarda. La notizia è l’approvazione del c.d. Decreto Genova.

L’immagine invece riguarda l’esultanza di Toninelli in Parlamento: un pugno alzato in segno di vittoria. Tante le polemiche al Senato, tantissimi gli sfottò sul web.

Ad alcuni il gesto è sembrato un po’ infantile.

 

Effettivamente ci sono dei momenti nella vita degni di tale esultanza.

 

E se fosse tutto un fraintendimento?

 

All’interno del Decreto, anche le norme riguardanti Ischia.

 

In tema di mano alzata al cielo, non poteva mancare una delle più famose della storia. Toninelli come Maradona!

 

E se invece fosse tutto un gioco, magari uno di quelli che tutti facevamo da piccoli?

 

E Maccio Capatonda non lo vogliamo citare?

 

Magari l’entusiasmo del Ministro dei Trasporti è stato solo frainteso.

 

Intanto De Falco e Nugnes verranno espulsi dal M5S per non aver sostenuto il Governo durante la votazione per il Decreto.

 

De Falco era assurto agli onori della cronaca per la famosissima vicenda della Costa Concordia e di Schettino.

 

Una considerazione su De Falco, tutto sommato, va fatta.

 

Toninelli, protagonista indiscusso di questi giorni, si è esibito anche in un’altra gaffe.

 

Un’altra notizia che ha profondamente colpito il mondo del web è il cambiamento del testo del Padre Nostro.

 

Forse il momento di attenta riflessione sui temi economici ha coinvolto anche la Santa Sede.

 

O forse, semplicemente, Papa Francesco ha affrontato una delle piccole vicissitudine quotidiane.

 

Come cambia concretamente il Padre Nostro?

 

Magari la modifica del Padre Nostro è frutto di risultati scientifici che attendevamo da oltre 2000 anni.

 

Che questo rappresenti l’inizio di una serie di cambiamenti?

 

Ipotizziamo ora come cambierebbe il Padre Nostro se a decidere fossero Di Maio, Salvini, Renzi o Berlusconi.

 

Una notizia che potrebbe interessarvi riguarda l’albero di Natale a Roma.

 

Se Spelacchio quest’anno sarà sponsorizzato da Netflix, forse dovremmo aspettarci che…

 

E allora quello dell’anno scorso, sul quale ci furono mille polemiche, chi lo aveva realizzato?

 

Quante possibilità ci sono che si chiuda questa rassegna social senza neanche una notizia di carattere calcistico? Nessuna.

 

Se qui sopra vi abbiamo detto “quante possibilità ci sono che si chiuda questa rassegna social…”, ora quante possibilità ci sono che vi abbiamo mentito e questa rassegna invece non sia chiusa? Nessuna.

 

NOTIZIE CORRELATE

Rassegna Social

Salvini, Pamela Anderson, Toninelli e la manovra: la rassegna social

7 Dic 2018

Bentornati alla nostra sempre puntuale rassegna social: oggi –  come d’altronde spesso accade – Salvini la fa da padrone, direttamente o indirettamente.   Tante persone twittano cose riguardanti il prode Ministro dell’Interno, ma stavolta il tweet arriva da oltreoceano e,

Rassegna Social

Le gaffe di Toninelli, gli spoiler di Salvini e la difesa dei Di Maio: l’ironia del web

di Fabio Tilocca, 5 Dic 2018

Noi vorremmo smettere di assillarvi con questa rassegna social, davvero, ma i politici non smettono di tirar fuori capolavori che scatenano il web. Cosa dobbiamo fare, lasciarvi all’oscuro di tutto?   Indovinate chi ha fatto una dichiarazione con quell’inconfondibile retrogusto

Rassegna Social

La Juventus e la Serie A, il decreto sicurezza e la legittima difesa: l’ironia dei social

di Fabio Tilocca, 3 Dic 2018

Può una rassegna social che si rispetti iniziare la settimana senza parlare di calcio e di Serie A? Sì, ma questa non è certo una rassegna social che si rispetti.   La Juventus va a giocare a Firenze e vince