News

Dalla scatola all’albero: insegnare ai bambini la sostenibilità

di Manuela Michelini, 4 Mag 2020

Dalla scatola all’albero il passaggio può essere davvero breve. Grazie a TICCIT at Home (Trees into Cartons, Cartons into Trees – Dagli alberi alle scatole, dalle scatole agli alberi), il programma didattico nato in casa Pro Carton, l’associazione europea dei produttori di cartone e cartoncino, è possibile insegnare ai più giovani le regole base della sostenibilità.

 

L’iniziativa è destinata essenzialmente ai bambini in età compresa fra i 7 e gli 11 anni, che possono imparare a piantare un alberello da casa insieme ai genitori.

L’insegnamento si rivela estremamente utile, soprattutto in un momento in cui le scuole sono chiuse in gran parte del mondo, per garantire ai piccoli di imparare qualcosa di diverso sui temi ambientali ai tempi del Covid-19.

 

TICCIT at Home per imparare sostenibilità e rinnovabilità

TICCIT at Home punta ad insegnare ai bambini la sostenibilità e la rinnovabilità. Prima di fornire tutte le informazioni su come piantare un alberello (una talea o semi), prima in una scatola di cartone biodegradabile e poi nel terreno, il programma fornisce tutta una serie di materiali di supporto, disponibili gratuitamente on line e scaricabili all’indirizzo https://bit.ly/3cm7M0A.

Il materiale è disponibile per il download in otto lingue diverse, e fornisce una guida completa al programma, una presentazione modificabile con immagini e note, nonché un modello di poster da colorare.

“Migliaia di genitori in tutta Europa si sono ritrovati improvvisamente ad assumere il ruolo di insegnanti e quindi desideravamo sostenerli con risorse pronte all’uso, per potersi godere questo periodo insieme ai loro figli – sottolinea Tony Hitchin, direttore generale di Pro Carton -. Presentando il programma educativo in modo divertente e pratico, speriamo che TICCIT at Home ispiri le nuove generazioni ed evidenzi il ruolo importante che gli alberi, il packaging e il riciclaggio svolgono nel tutelare la salute del nostro pianeta durante la transizione verso un’economia circolare“.

Piantiamo l’alberello e trasformiamo il cartone in alberi

Il programma consente fra i tanti aspetti di illustrare ai bambini come possono utilizzare le scatole di cartone per far crescere nuovi alberi. Questa parte del programma propone tutti i dettagli per illustrare il ciclo di vita “alberi in cartone, cartone in alberi”, entrando nel merito del “ciclo di vita del cartone” considerando quattro punti fondamentali:

1 – Gli alberi delle foreste gestite sono coltivati esattamente come si coltiva la frutta o la verdura;

2 – Essi sono trasformati in carta e cartone presso la cartiera;

3 – Il cartone viene trasformato in scatola, che viene poi riempita con i prodotti e inviata al negozio;

4 – Dopo che il prodotto è stato utilizzato, la scatola può essere riciclata o può biodegradarsi in terreno sano, aiutando così un nuovo alberello a crescere.

Per iniziare a lavorare sono necessarie

  • Scatole di cartone
  • Terriccio
  • Palette
  • Forbici
  • Poster/volantini
  • Tessuto o carta da cucina per rivestire le fioriere
  • Materiale vario, come ad esempio diversi tipi di cartoncino e cartone.

Se si hanno domande specifiche o si ha bisogno di assistenza, è possibile ottenere informazioni inviando una mail all’indirizzo [email protected].

NOTIZIE CORRELATE

News

Come sanificare l’ambiente di lavoro

4 Dic 2020

In questi mesi di emergenza sanitaria ha assunto un ruolo sempre più importante la sanificazione degli ambienti di lavoro. Si tratta infatti di una di quelle misure previste anche nel protocollo dello scorso 24 aprile. Ma quali sono le regole

News

Come il Covid sta cambiando il mondo del lavoro

1 Dic 2020

È un cambiamento epocale quello a cui dobbiamo abituarci quale conseguenza diretta della pandemia. A subire variazioni consistenti sono gli equilibri sociali, le abitudini dei consumatori, ma soprattutto il futuro del mondo del lavoro.  Il Covid-19 ha messo in discussione

News

Protezione solare: perché usarla sempre

30 Nov 2020

I raggi UV, UVB e UVA del sole sono nocivi per la pelle, tale assioma è così ben noto che nessuno farebbe l’azzardo di stendersi sul bagnasciuga il primo giorno di tintarella senza prima aver applicato un abbondante strato di