News

Brexit: Cosa Succede Adesso

13 Dic 2019

Dal voto del 12 dicembre 2019 in Gran Bretagna è emersa una schiacciante vittoria dei conservatori ma soprattutto una vittoria personale del primo ministro uscente Boris Johnson sul laburista Jeremy Corbyn. I conservatori infatti hanno tutti i numeri necessari per andare avanti tranquillamente in parlamento: 363 seggi contro i 203 dei laburisti che ne perdono 59 rispetto alle ultime elezioni. Visti i programmi e le dichiarazioni del premier uscente, la Brexit ora è una realtà concreta.

 

Le tappe della Brexit: cosa succederà il 31 gennaio 2020

Dopo i numerosi rinvii, il 31 gennaio del 2020, ultima scadenza fissata dai leader europei, sarà la data definitiva per l’avvio della Brexit. Nonostante le dichiarazioni di Johnson, che promette una Brexit sotto l’albero di Natale, ci sarà un momento di transizione che durerà per tutto il 2020.

Il Regno Unito ancora per tutto l’anno prossimo continuerà infatti a far parte a tutti gli effetti dell’Unione Europea per avere il tempo di attuare tutti gli accordi riguardanti, tra le altre cose:

  • sicurezza
  • cooperazione
  • giustizia.

Ma soprattutto ci sarà da stabilire quali saranno gli accordi commerciali e questa trattativa potrebbe richiedere più di 12 mesi di tempo.

 

Le tappe

Durante tutto il 2020 gli Stati membri dell’UE dovranno scegliere i membri del gruppo negoziale che si dovrà occupare delle trattative; una scelta che dovrà essere avallata con voto del Parlamento europeo.

Realisticamente queste le date:

  • il voto che non arriverà prima della fine di marzo
  • entro la fine di giugno il trattato commerciale dovrà essere concluso
  • nei mesi successivi l’accordo dovrà essere ratificato da tutti gli Stati membri.

Per capire che le date difficilmente potranno essere rispettate, basti pensare che l’Ue ha approvato un solo contratto, quello col Canada, che ha richiesto anni di trattative. Inoltre, gli Stati membri prima di ratificare gli accordi possono impiegare molti mesi.

Nel caso in cui il Regno Unito non abbi ratificato il trattato commerciale entro giugno 2020, ci sarà la possibilità per Johnson di chiedere un ulteriore estensione del periodo di transizione, senza la quale l’UK dovrà lasciare l’Unione europea tassativamente entro il 1° gennaio 2021. Ma senza accordo, ci sarà il “no deal”.

 

Cosa succede in caso di “no deal”

Senza accordo, le leggi dell’Unione europea non potrebbero più essere applicate nei confronti del Regno Unito.

In primis, i cittadini europei residenti in UK e viceversa, quelli britannici in Ue, non avrebbero status giuridico, sarebbero extracomunitari.

Le merci e le persone non potrebbero viaggiare liberamente perché non sarebbero più validi gli accordi esistenti.

Le frontiere dovrebbero essere controllate con controlli di documenti, persone e merci (compresi i controlli sanitari).

Il Regno Unito non potrebbe più accedere al mercato unico europeo e le sue merci sarebbero sottoposte a dazi e controlli.

Non ci sarebbero accordi sull’aviazione civile, quindi gli aerei britannici non potrebbero entrare nell’Ue (e viceversa).

Il porto di Dover potrebbe vedere stazionati migliaia di camion per i necessari controlli; a questo proposito la contea del Kent, a sud di Londra dove si trova lo snodo, ha pubblicato un rapporto terrificante sui probabili ingorghi che potrebbero verificarsi nella zona.

Ma il premier uscente, nonché vincitore delle elezioni di ieri, ha assicurato tutti i cittadini britannici che questa prospettiva non si verificherà e che l’accordo sarà ratificato in tre mesi. Secondo Johnson infatti, i regolamenti europei e britannici sono allineati, quindi non serviranno mesi per ratificare l’accordo.

NOTIZIE CORRELATE

News

In Italia? Si vive più a lungo che in Europa

17 Gen 2020

Abbiamo il più alto tasso di sopravvivenza al cancro, in quanto ad aspettativa di vita siamo secondi solo alla Spagna. Dopo aver letto questo rapporto provate ancora a dire che in Italia si vive male. È stato presentato oggi a

News

Salvini bacia salami, polemiche per Sanremo e Amadeus, Ratzinger vs Bergoglio: ironia web

di Fabio Tilocca, 17 Gen 2020

Bentornati alla nostra rassegna social: cosa avrà fatto in questi giorni Salvini? Ha bullizzato un ragazzo per un suo discorso.   Poi, sempre sui social, si è fatto immortalare mentre baciava un insaccato.   Va detto, per inciso, che gli

News

Arriva Olli, minibus a guida autonoma

16 Gen 2020

Elettrico, stampato con la 3D, Olli è l’autobus più tecnologico in circolazione e da oggi verrà utilizzato a Torino all’interno del Campus delle Nazioni Unite. Chi è stato alla fiera Hi-tech di Las Vegas la scorsa settimana lo ha già