Italia in Parlamento

Il coraggio di investire su cultura e formazione

di Eleonora Bonfiglio, 20 Mag 2017

Oggi è iniziato un nuovo viaggio: da un’idea del professor Massimo Recalcati è nata, in collaborazione con Fondazione EYU e il PD Milano metropolitana, la prima scuola del Partito Democratico, la scuola di politica Pier Paolo Pasolini.

 Scegliere di iniziare un percorso di cultura politica e approfondimento sono convinta che sia il primo passo per aggiungere un tassello a quelle esperienze che servono per la formazione di una persona.

Ha detto bene oggi il segretario del PD milanese Pietro Bussolati, forse siamo stati coraggiosi a intraprendere questo cammino.

Apertura alla conoscenza

Coraggiosi perché in un mondo dominato dall’approssimazione siamo qui, aperti alla conoscenza e all’approfondimento per creare o affinare una cultura politica che servirà un domani per renderci competenti e responsabili, avendo la fortuna di assistere a lezioni su varie e vaste tematiche con delle guide di un certo calibro.

 Bussolati in apertura ha citato Obama e il suo concetto di leadership.

“Il vero leader è colui che dà voce a chi non la ha.”

La responsabilità della guida

E Recalcati ha continuato dicendo che la vera leadership non si appropria di un partito, ma si assume la responsabilità di guidarlo.

 Dobbiamo allontanarci, soprattutto noi giovani, dalla concezione manichea che i nuovi populismi portano avanti, quella per cui la verità è unica e assoluta ed è quella che professano loro, quelli che dicono di essere il popolo, ma adottano metodologie assolutamente antidemocratiche, anche se in apparenza non lo sembrano.

 È un investimento notevole il voler puntare sulla formazione dei giovani.

Giovani che, per citare il professor Recalcati, devono anche sapere interpretare la giovinezza, serve un desiderio che mobilita ed è quello che fa la differenza, qualcosa che passa nell’ordine della testimonianza e che fonda la credibilità di un discorso.

 Una politica riformista

Testimonianza è stata anche una parola chiave utilizzata questa mattina dal ministro Martina che ha sottolineato come noi, come partito di governo, possiamo essere testimoni di una politica riformista e di un partito popolare, alternativo ai populisti, che è stato capace con l’ultima misura sui vaccini di riportare anche Beppe Grillo e i 5 stelle nella civiltà, facendogli cambiare opinione.

Mi piacerebbe fare mia la riflessione che ha fatto oggi il segretario Matteo Renzi. Nel binomio “nostalgia/progetto” si riconosce come la prima, nonostante sia un sentimento nobile, si fermi al guardarsi allo specchio e non va oltre, guardando attraverso una finestra. Attraverso la finestra si vede cosa c’è nel mondo all’esterno, un modo che ha bisogno di essere interpretato e ascoltato, un mondo che ha bisogno di progetti per il futuro.

Dobbiamo avere la forza di scegliere la finestra e non lo specchio.

Oggi più che mai, in un clima in cui serpeggia il populismo che tanto attira la mia generazione, serve investire sui giovani, su quella che punta a essere la classe dirigente del futuro, in modo tale da fornire degli strumenti di cultura necessari per portare e diffondere il messaggio che le buone pratiche, la buona politica è fatta di responsabilità, di approfondimento e non di superficialità.

NOTIZIE CORRELATE

Italia in Parlamento

Taglio dei Parlamentari: cosa succede adesso?

16 Ott 2019

Con una maggioranza bulgara, la Camera dei Deputati martedì 8 ottobre ha approvato in via definitiva il disegno di legge costituzionale che prevede il taglio dei parlamentari. Si tratta di una riduzione lineare che alla Camera ridurrebbe i deputati dagli

Italia in Parlamento

Fine del governo Conte I

20 Ago 2019

Il governo Conte I finisce qui e con lui lo schieramento giallo-verde. Con le comunicazioni di Conte al Senato oggi è stata sancita la fine del governo del cambiamento e del contratto stilato 14 mesi fa tra Lega e Movimento

Italia in Parlamento

Crisi di governo, elezioni anticipate o esecutivo tecnico

13 Ago 2019

Doppio salto mortale con avvitamento a destra e a sinistra. Oggi il Senato ha deciso le tappe della crisi di governo: il 20 agosto il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, si presenterà in aula a Palazzo Madama e farà le