News

Effetto Coronavirus: spariscono dal web le ricerche travel

14 Apr 2020

In attesa di capire come sarà strutturata la fase 2, c’è chi corre ai ripari pensando a box in plexiglass sia per gli stabilimenti balneari che per ristoranti e bar. Nel frattempo quello che emerge chiaramente è che per effetto del Coronavirus dal web sono praticamente sparite le ricerche a tema travel.

Uno studio condotto da ByTek, tech company del gruppo Datrix specializzata in soluzioni di Intelligenza Artificiale per Search Marketing, Advertising & Lead generation e Content Marketing, ha evidenziato appunto che nel mese di marzo il settore travel ha subito una drastica battuta d’arresto.

Coronavirus e attività turistiche: lo studio di ByTek

L’analisi di ByTek sull’impatto del coronavirus su turismo e viaggi è stata svolta in collaborazione con Anesv (Associazione Nazionale Esercenti Spettacoli Viaggianti – Parchi Permanenti Italiani) su estratti da Google trends con riferimento al periodo 1 aprile 2019 – 1 aprile 2020.

Solo nel mese di marzo 2020, le ricerche relative al settore dei viaggi e del turismo sono diminuite del 37% rispetto al mese precedente e sono dimezzate rispetto allo stesso mese del 2019.

Nel panorama generale, la categoria più in difficoltà è quella dei viaggi specializzati, caratterizzata da ricerche online su agriturismo, cantine ed enoturismo, ecoturismo, viaggi avventura, visite ed escursioni private. Seguono i settori Bus e Car Rental, quindi le agenzie di viaggio e le crociere.

Quelle meno in difficoltà sono le categorie delle destinazioni turistiche e degli accessori da viaggio. Segno evidente che fortunatamente il Covid-19 non sta cancellando la voglia di programmare e di sperare in vacanze future.

Ricerche travel: la particolare sofferenza dei parchi tematici

La categoria “Destinazioni Turistiche” è quella che nell’ultimo anno ha registrato il decremento minore ma comunque segna un -46,09%. Particolarmente critica invece, è la dinamica delle ricerche su “parchi tematici” e “zoo-acquari-riserve” che da marzo 2019 a marzo 2020 ha registrato flessioni superiori al 60%, il dato peggiore rispetto alla media del macro-settore “Viaggi e Turismo”.

Nel dettaglio, i parchi a tema hanno subito un -65,85%, “zoo acquari e riserve” un -60,28%, i Parchi Regionali -52,32%. A risentirne meno di tutti sono state le località montane e sciistiche con un -6,5% dal momento che la stagione invernale non è stata completamente bloccata dalla quarantena.

Ricerche online, l’importanza dei dati

Google è come un grande confessionale e le ricerche online offrono la possibilità di capire che cosa cercano e quindi cosa vogliono gli utenti prima di qualsiasi altro indicatore tradizionale. Questo tipo di analisi possono anche andare molto più a fondo nello studio di un fenomeno, permettendo di analizzare le piccole sfumature con cui ogni persona si avvicina a un argomento e i trend giornalieri di questo.

Nel caso specifico lo studio offre spunti utili per esempio per azioni di governo mirate. Allo stesso tempo, analisi sui trend offrono anche a conduttori, amministratori e direttori, la possibilità di capire quali sono quelli in crescita per puntare su questi rinnovando i loro servizi.

Per superare un periodo di grande difficoltà l’analisi dei dati quindi, potrebbe offrire spunti di riflessione interessanti.

NOTIZIE CORRELATE

News

Il mouse: una valutazione tra modelli ed esigenze

15 Ott 2020

Considerandolo un ausilio relativamente semplice si è fuori strada. Il mouse, infatti, oltre ad essere una periferica irrinunciabile, per l’utilizzo di una qualsiasi tipologia di computer, offre un supporto e tutta una serie di funzioni innovative, che agevolano il lavoro

News

Storia dell’impatto di Saturno nella nostra vita

12 Ott 2020

Molto spesso legato alle previsioni astrologiche e a quelle dell’oroscopo la posizione di Saturno come quella di altri pianeti può influire sulle particolari condizioni di un segno rispetto ad un altro. La mitologia di Saturno alla base dell’espressione Tuttavia il

News

Aule Natura: il progetto per il ritorno a scuola in sicurezza

14 Set 2020

Gli spazi verdi possono contribuire a una ripresa sicura delle lezioni scolastiche. Le scuole italiane hanno a loro disposizione ben 64,5 milioni di metri quadri di spazi verdi, collocati all’esterno degli edifici, da utilizzarsi per una didattica di qualità all’insegna