Italia al Lavoro

Il reddito delle famiglie italiane cresce: siamo i migliori d’Europa e del G7

8 Feb 2018

Secondo l’OCSE l’Italia è l’unico Paese tra le grandi economie a mostrare una crescita consistente del reddito reale dei nuclei familiari, un indicatore più affidabile del PIL reale pro capite per misurare il benessere economico degli individui. Sono quindi le famiglie a beneficiare della congiuntura economica positiva che è confermata dai dati dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo che infatti ha anche rivisto al rialzo le stime di crescita del PIL italiano nel 2018.

Nessuno meglio dell’Italia

Secondo un rapporto dell’OCSE su crescita e benessere economico, il reddito reale pro capite delle famiglie italiane cresce dello 0,8% nel terzo trimestre del 2017, superando il dato sulla crescita del PIL reale pro capite stabile a +0,4%. Secondo l’istituto parigino nessuno dei paesi del G7 fa meglio di noi: anzi, rappresentiamo un’eccezione rispetto alle altri grandi economie, dove invece la crescita del reddito pro capite è rimasta al palo. Il rallentamento più accentuato è stato in Gran Bretagna, con un calo dello 0,3% rispetto al +2,5% del trimestre precedente, ma hanno stentato stentato anche la Germania (-0,1% contro +0,5%) e la Francia (+0,4% contro +0,5%). Stessa situazione anche oltreoceano con il Canada che rallenta (+0,4% contro +1,1%) e gli Stati Uniti che non registrano variazioni. L’Italia fa meglio anche dell’Unione Europea, dove la media della crescita del reddito reale pro capite si è attestata al +0,7%. Lo scatto italiano è positivo anche se si guarda al dato degli ultimi nove trimestri, con la crescita dei redditi delle famiglie che si è attestata a +3,4%, dato che ancora una volta è migliore della media dei paesi del G7 (+2,1%) e dell’Eurozona (+3,3%).

Stime di crescita al rialzo

L’OCSE conferma che la crescita italiana nel 2017 si attesterà al + 1,5% mentre per il 2018 le stime sono state viste al rialzo dal +1,3% a +1,5%. Il commissario europeo agli affari economici Pierre Moscovici ha confermato che che le prospettive economiche rimarranno positive se l’Italia andrà avanti “con l’attuazione delle riforme pro-crescita già adottate e che continui con politiche di bilancio prudenti“. Per la Commissione Europea la crescita dovrebbe confermarsi anche nel 2019 nonostante la Brexit e la fine del Quantitative Easing, gli stimoli monetari della BCE. Le previsioni di Bruxelles parlano di un’economia europea che è entrata nel 2018 in un ottimo stato di salute: la zona euro vede tassi di crescita mai visti prima della crisi e disoccupazione e deficit continuano a scendere.

NOTIZIE CORRELATE

Italia al Lavoro

Inps: arrivano nuovi servizi online

1 Ott 2018

Tra un mese esatto, il 1° novembre 2018, aziende e consulenti potranno accedere al nuovo servizio di simulazione per il controllo telematico dei limiti temporali Cigo (Cassa Integrazione Guadagni Ordinaria) e Cigs (Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria). Lo rende noto l’Inps

Italia al Lavoro

Pensione e ricongiunzione contributi: come fare la domanda online

27 Set 2018

L’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale amplia i suoi servizi online per la richiesta di ricongiunzione dei contributi previdenziali. Con il Messaggio numero 3494 del 25 settembre, l’Inps ha illustrato le nuove categorie di fondi pensione coinvolte nel nuovo servizio online

Italia al Lavoro

Fattura elettronica, arriva l’anagrafe telematica

25 Set 2018

Dal 1° gennaio 2019 scatterà l’obbligo di fattura elettronica con una fase di avvio graduale. Contribuenti, imprese e professionisti dovranno collaborare e in quest’ottica anche l’Amministrazione finanziaria vuole dare il suo contributo. Il Fisco infatti non solo garantirà una transizione