News

Il Rapporto Italia dell’Ocse e i dati Istat sulla disoccupazione: Italia in crisi

1 Apr 2019

Il 2019 sarà ricordato in Italia per la crescita negativa, mentre il rapporto deficit/pil arriverà al 2,5%.

Dopo le ammissioni del ministro dell’Economia Giovanni Tria, oggi arriva una doppia stangata per il Paese: i dati Istat sulla disoccupazione e il Rapporto sull’Italia dell’Ocse.

I dati sulla disoccupazione dell’Istat

Calano gli occupati tra gennaio e febbraio 2019, diminuiscono di 44mila i dipendenti occupati di cui 33 mila permanenti e 11 mila a termine. A febbraio 2019 aumentano di 30 mila unità gli indipendenti. I dati dell’Istat riguardanti la disoccupazione in Italia tracciano un quadro decisamente fosco: il tasso di disoccupazione passa dal 10,5% al 10,7%.

La fascia più colpita è quella centrale: meno 74 mila le unità occupate tra i 35 e i 49 anni, mentre aumentano gli occupati ultracinquantenni. A febbraio del 2019 sono state 34 mila le persone che hanno iniziato a cercare lavoro, con un aumento dell’1,2%; una crescita che riguarda soprattutto le persone over 35.

Tra dicembre 2018 e febbraio 2019 l’occupazione – dice l’Istat – sia per genere che nel complesso, registra una sostanziale stabilità rispetto ai tre mesi precedenti ma solo perché questo dato si associa al calo delle persone in cerca di occupazione.

Su base annua, secondo l’istituto, l’occupazione cresce dello 0,5% con nuove entrate nel mondo del lavoro da parte dei 25-34enni e ultra cinquantenni, quindi al netto della popolazione il dato è positivo se non fosse che la fascia tra i 35 e i 49 anni segna una forte battuta d’arresto.

Inoltre a crescere sono soprattutto i dipendenti a termine e gli indipendenti, mentre diminuiscono i permanenti.

Il Rapporto sull’Italia dell’Ocse

Gli investimenti pubblici sono crollati, bisognerebbe abrogare quota 100 perché aumenta il debito, rallenterà la crescita, ridurrà l’occupazione e se non applicata in modo equo, finirà per accrescere la diseguaglianza intergenerazionale, facendo solo aumentare il debito pubblico.

Le dichiarazioni non sono di un leader dell’opposizione ma di Agel Gurria, segretario generale Ocse che ha presentato oggi insieme al ministro dell’Economia Giovanni Tria, il Rapporto Italia.

Il documento boccia senza appello tutte le iniziative del governo giallo-verde. Dopo quota 100 infatti è la volta del reddito di cittadinanza, definito una giusta misura anti povertà che però incoraggia il lavoro nero. Tutto dipenderà dai programmi di formazione e ricerca del lavoro.

Il rapporto infine lancia un rischio povertà assoluta tra i giovani: la qualità del lavoro è bassa – ha dichiarato Gurria – e la discrepanza tra posti di lavoro e competenze è elevata rispetto ad altri paesi Ue.

Servirebbe un programma pluriennale di riforma istituzionali economiche e sociali, oltre che rivedere quelle leggi che invece hanno abrogato le misure approvate negli ultimi anni. Essenziale, inoltre, un contrasto vigoroso all’evasione, studiando ad esempio un sistema tributario più equo evitando condoni fiscali “ripetuti”.

NOTIZIE CORRELATE

News

Facebook down, Instagram down, Whatsapp down: l’ironia web di una domenica difficile

di Fabio Tilocca, 15 Apr 2019

Questa nuova settimana e questa nostra rassegna social si aprono con il ricordo di ciò che è avvenuto nel weekend: Facebook down, Instagram down e Whatsapp down!   Domenica, per diverse ore, i principali social hanno smesso di funzionare: forse

News

Brexit senza accordo, cosa fare?

2 Apr 2019

Cosa succederà se il Regno Unito dovesse uscire dall’Unione Europea senza accordo? La presidenza del Consiglio dei ministri ha pubblicato un opuscolo dal titolo Prepararsi al recesso senza accordo del Regno Unito dall’Ue il 29 marzo 2019, con informazioni sulle

News

Green jobs: cosa sono e perché sono la speranza del futuro

di Manuela Michelini, 1 Apr 2019

Le previsioni parlano chiaro. Dati alla mano entro il 2023 ogni 5 nuovi posti di lavoro in Italia 1 verrà proposto in un ambito ecosostenibile. Il settore dell’occupazione quindi si tinge di verde, sorretto dalla crescita dei cosiddetti ‘green jobs’,