Italia al Lavoro

Il PIL italiano a +1,4% nel 2017: l’economia non cresceva così da 7 anni

14 Feb 2018

La stima dell’ISTAT sulla crescita del PIL italiano nell’ultimo anno si attesa a +1,4% rispetto al 2016, in attesa dei dati ufficiali che arriveranno come di consueto il 1 marzo assieme agli altri indicatori macroeconomici relativi ai conti pubblici. Questo primo dato, calcolato in termini grezzi sommando i risultati dei quattro trimestri, è comunque un indice abbastanza attendibile ed in linea con le stime del Governo nella nota di aggiornamento al Def che si attestano a +1,5%, un dato confermato anche dalle previsioni della Commissione Europea e della Banca d’Italia.

In rialzo l’ultimo trimestre

Riferendoci solo al quarto trimestre del 2017, il PIL italiano registra una crescita dello 0,3% rispetto al trimestre precedente nonostante le due giornate lavorative in meno, mentre la crescita rispetto allo stesso periodo del 2016 segna un +1,6%. Nella nota dell’ISTAT si legge che a trainare la crescita è in particolare il comparto industriale e dei servizi. Dal lato della domanda vi è una crescita positiva sia della componente nazionale, sia di quella estera, confermando che l’economia italiana è sostenuta sia dalla domanda interna che dall’export.

Mai così in alto dal 2010

L’economia italiana non cresceva a questi ritmi dal lontano 2010: se fosse confermata la stima del +1,4% il dato sarebbe il più alto da sette anni: quando il PIL cresceva del +1,7% e l’Italia doveva ancora entrare nel periodo più difficile della crisi, con la tensione sui mercati, lo spread alle stelle e il lungo periodo di recessione. Dopo un percorso tortuoso, passato per la stagione dell’austerity prima e successivamente per un serio percorso di riforme, ora la congiuntura economica del Paese è tornata positiva senza ulteriore indebitamento e senza sforare i parametri europei su deficit e rapporto debito/PIL.

L’eredità per il 2018

Secondo l’Istituto di statistica l’anno appena passato ha lasciato un’eredità in termini di crescita per il 2018: la variazione acquisita del PIL che si registrerebbe in caso di crescita congiunturale è pari allo 0,5%. Il che vuol dire che sostanzialmente nel 2018 non si parte da zero e che anche se l’economia italiana rimanesse piatta durante tutti i trimestri il dato di fine anno sarebbe comunque positivo. La crescita italiana, secondo i dati dell’ISTAT, è quindi solida e pronta a reagire ad un’eventuale crisi: ipotesi che però non è assolutamente all’orizzonte. Dal Fondo Monetario Internazionale alla Banca Centrale Europea, tutti sono concordi nel pronosticare una fase espansiva dell’economia mondiale, con l’Italia che è pronta ad agganciarsi al treno della crescita: Commissione Europea e Banca d’Italia sono concordi nello stimare un ulteriore +1,5% per il  PIL del 2018.

NOTIZIE CORRELATE

Italia al Lavoro

Gadget femminili: omaggiare le donne fa crescere il tuo marchio

23 Set 2020

Perché dovresti puntare su un gadget femminile per la tua prossima campagna promozionale? Per far consolidare il tuo marchio nella mente dei consumatori, per far innescare un’emozione positiva nei confronti del tuo brand da parte di chi riceve quell’omaggio, per

Italia al Lavoro

Quale formazione fare dopo la laurea?

25 Ago 2020

La specializzazione professionale è una vera e propria esigenza dell’attuale mercato del lavoro, a prescindere dal settore. Le richieste di professionalità sono diventate davvero selettive e spesso la sola formazione universitaria non è sufficiente. Ad accentuare questa situazione troviamo sicuramente

Italia al Lavoro

Euromobility: i dati sullo smartworking in Italia

di Manuela Michelini, 30 Lug 2020

Fra i contenuti del Decreto Agosto, che intende fornire il giusto impulso alla macchina produttiva del Paese, troviamo la proroga delle procedure semplificate per lo smart working. A confermarlo è il ministro dell’Economia e delle Finanze Roberto Gualtieri che ha