News

Pensione e ricongiunzione contributi: come fare la domanda online

27 Set 2018

L’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale amplia i suoi servizi online per la richiesta di ricongiunzione dei contributi previdenziali.

Con il Messaggio numero 3494 del 25 settembre, l’Inps ha illustrato le nuove categorie di fondi pensione coinvolte nel nuovo servizio online per la presentazione della domanda di ricongiunzione dei contributi previdenziali.

Si amplia quindi il servizio online dell’Istituto e si aggiungono nuove categorie che possono presentare domande per via telematica.

 

Ricongiunzione contributi le novità

Le principali novità sulla ricongiunzione contributi gratuita 2018 riguardano i lavoratori del mondo dello spettacolo, dello sport professionistico e i Fondi speciali Elettrici, Telefonici e Volo.

In particolare il messaggio specifica che possono presentare per via telematica domanda di ricongiunzione:

  • Dalle casse professionali nel Fondo dei lavoratori dello spettacolo e dello sport professionistico, gestioni ex Enpals ai sensi dell’articolo 1 della legge 5 marzo 1990 n. 45
  • Nel Fondo dei lavoratori dello spettacolo e dello sport professionistico ex Enpals e nei Fondi speciali Elettrici, Telefonici e Volo ai sensi dell’articolo 2 della legge 7 febbraio 1979 n. 29.

Possono inoltre presentare domanda per il trasferimento nell’assicurazione generale obbligatoria ma a titolo oneroso delle posizioni assicurative dei Fondi speciali Elettrici, Telefonici e Volo.

 

Ricongiunzione contributi: come fare la domanda online

Per fare la domanda online di ricongiunzione contributi, innanzitutto bisogna richiedere il PIN dispositivo di autenticazione oppure in alternativa si può accedere con il Sistema Pubblico di Identità Digitale (SPID) o la Carta Nazionale dei Servizi (CNS).

Con uno di questi dispositivi di accesso, si deve accedere al sito inps.it, andare nella sezione Prestazioni e servizi, quindi cliccare su Tutti i servizi poi Ricongiunzione (cittadino/Patronati).

Nel menù della Home page dell’applicazione si troverà quindi il manuale scaricabile con tutta la descrizione analitica dei passaggi da fare.

È possibile inoltre chiamare il numero verde 803.164 (solo da telefono fisso) o allo 06164164 (da telefono cellulare con chiamata a carico dell’utente) per avere il supporto del Contact Center Multicanale dell’Istituto. Il servizio oltre a dare chiarimenti può anche aiutare a compilare la domanda inviandola all’Istituto.

 

La fase transitoria della telematizzazione

Il processo di telematizzazione delle domande di ricongiunzione contributi avrà una fase transitoria che durerà fino al 30 novembre 2018 durante il quale le domande potranno essere presentate sia online che con il vecchio sistema cartaceo.

Dal 1° dicembre 2018 l’invio dovrà essere fatto esclusivamente per via telematica.

Per il resto per le domande di ricongiunzione, dice il messaggio dell’Inps, vale sempre quanto già illustrato dalla circolare 131/2012.

 

NOTIZIE CORRELATE

News

Salvini e l’eterofobia, il caldo e il software della Azzolina: l’ironia social

di Fabio Tilocca, 3 Lug 2020

Bentornati alla nostra consueta rassegna social che oggi si apre, ed è già tanto, considerando il caldo. L’OMS ha detto qualcosa in proposito?   Salvini se ne inventa un’altra delle sue. Meno male, altrimenti di cosa si parlerebbe sul web?

News

Riciclare facile con Junker, l’app 4.0 che riconosce i rifiuti per immagine

di Manuela Michelini, 2 Lug 2020

Fare la raccolta differenziata da oggi è più facile grazie a Junker, l’app 4.0 di ultima generazione che si è dotata di una nuova funzione decisamente rivoluzionaria. Grazie ad una tecnologia unica, disponibile gratuitamente, Junker riconosce l’immagine dell’oggetto che si

News

Sgarbi portato via di peso dal Parlamento, Gallera e le cliniche di lusso, Emilio Fede arrestato: la rassegna web

di Fabio Tilocca, 26 Giu 2020

Bentornati alla nostra rassegna social: in un periodo in cui ci si alterna fra polemiche di ogni genere, non potevamo non iniziare con questa immagine.   Sgarbi portato via di peso dal Parlamento per aver offeso suoi colleghi: a volte