News

Patto Europeo sulla Plastica: aderisce anche l’Italia

di Manuela Michelini, 12 Mar 2020

Anche l’Italia ha deciso di aderire al Patto europeo sulla plastica il cosiddetto “European Plastic Pact”.

Parliamo di una scelta consapevole, che punta ad accelerare il riuso e il riciclo della plastica mettendo in atto soluzioni innovative, capaci di incentivare il passaggio ad una forma più avanzata di economia circolare.

La coalizione pubblico-privata, lanciata nel 2019 da Paesi Bassi e Francia, riunisce tutti gli attori del settore impegnati ad evitare gli sprechi e ad incoraggiare il riuso per non appesantire l’ambiente e lasciare una terra più sana e pulita alle nuove generazioni.

Quattro punti cardine per realizzare nuove soluzioni

Governi ed imprese studiano nuove soluzioni per gestire la plastica considerando quattro elementi chiave, nel dettaglio:

  • la progettazione circolare di imballaggi e prodotti in plastica monouso, con l’obiettivo di ridurne la quantità vergine di almeno il 20% (in peso) entro il 2025, con la metà di questa riduzione proveniente da una limitazione assoluta della plastica;
  • l’uso responsabile della plastica;
  • il riciclaggio delle materie plastiche;
  • l’uso di plastica riciclata, aumentando la consistenza delle procedure entro il 2025.

Chi ha sottoscritto l’adesione al Patto si impegna a sviluppare nel proprio paese politiche ambientali antinquinamento, tese a favorire un uso consapevole della plastica. Si parla di una scelta che considera di investire soprattutto nelle infrastrutture di raccolta e riciclo dei rifiuti, con soluzioni adeguatamente supportate dall’implementazione di politiche fiscali studiate ad hoc per sostenere e sensibilizzare i cittadini-consumatori, che si impegnano in prima persona.

L’Italia aderisce con convinzione, spiega il ministro dell’Ambiente

“Abbiamo aderito con convinzione al Patto europeo sulla plastica – ha affermato il ministro dell’Ambiente Sergio Costa – La proposta di aderire ha subito suscitato il nostro interesse. Siamo convinti che una tematica così complessa come quella legata alla plastica, e il contrasto all’inquinamento prodotto, necessiti di strumenti condivisi tra i Paesi europei e tra i molteplici attori coinvolti nella gestione. Il Patto è uno strumento prezioso per affrontare meglio il ciclo della plastica, dalla progettazione dei prodotti alla produzione al corretto riciclo”.

“Del resto, siamo già pienamente attivi a livello nazionale – ha proseguito il ministro -. Stiamo lavorando, con i ministeri competenti, a un piano nazionale sulla plastica sostenibile. La campagna plastic free del ministero dell’Ambiente ha avuto numerosissime adesioni, inclusa quella del Quirinale. La legge ‘Salvamare’, già approvata alla Camera, è fondamentale per liberare il mare dai rifiuti e dalla plastica. Nel dl clima, sono previsti fondi ad hoc per le macchinette mangia-plastica. Sono tutti tasselli per contrastare la plastica monouso e gli imballaggi in plastica. La riduzione dei rifiuti e il riciclo di quelli esistenti è la base per il nostro futuro”.

Partecipazione volontaria ma progressi monitorati

La partecipazione al patto è assolutamente volontaria ma una volta che si è scelto di aderire i progressi saranno oggetto di un monitoraggio costante, con segnalazioni fornite dai firmatari da inviare ad una segreteria centrale, che terrà traccia dei risultati.

I primi gruppi di lavoro hanno avviato le attività di monitoraggio e rendicontazione, discutendo di come ridurre e riutilizzare, progettare la circolarità, realizzare nuovi modelli, guidare la catena di fornitura e tanto altro ancora.

NOTIZIE CORRELATE

News

I complottisti, il Covid e l’addio a Ennio Morricone : la rassegna social

di Fabio Tilocca, 10 Lug 2020

Torna la nostra accaldatissima rassegna social: usciti dalla fase acuta dell’emergenza coronavirus, possiamo riprendere a parlare di altro, tipo Salvini. E dei complottisti.   In ogni caso il Covid ha lasciato degli strascichi: i complottisti hanno parlato del 5G, del

News

Casa green: gli italiani la vogliono conviviale e sostenibile

di Manuela Michelini, 8 Lug 2020

Gli italiani hanno cambiato le loro abitudini ma soprattutto a subire una netta variazione sono le esigenze e il modo di vivere la casa. I nostri connazionali hanno spostato l’attenzione verso una casa green, conviviale ma soprattutto sostenibile delle mura

News

Salvini e l’eterofobia, il caldo e il software della Azzolina: l’ironia social

di Fabio Tilocca, 3 Lug 2020

Bentornati alla nostra consueta rassegna social che oggi si apre, ed è già tanto, considerando il caldo. L’OMS ha detto qualcosa in proposito?   Salvini se ne inventa un’altra delle sue. Meno male, altrimenti di cosa si parlerebbe sul web?