News

Parma capitale della cultura per il 2020: scelta all’unanimità

17 Feb 2018

Scelta da una commissione d’esperti tra un parterre di dieci finaliste , Parma l’ha spuntata sulle avversarie ed è stata nominata Capitale italiana della Cultura perché ‘esempio virtuoso di elevata qualità nella progettazione territoriale a base culturale’. Nata nel 2014 con il ‘Decreto Cultura‘, l’iniziativa ‘capitale della cultura’ mette ogni anno in palio un milione di euro per stimolare le amministrazioni locali a perseguire un modello di sviluppo sostenibile che metta al centro la cultura per il rilancio dell’economia e del contesto sociale cittadino, coinvolgendo realtà pubbliche e private.

La competizione

Agrigento, Bitonto, Casale Monferrato, Macerata, Merano, Nuoro, Parma, Piacenza, Reggio Emilia e Treviso: queste erano le finaliste dell’edizione 2020 della ‘capitale della cultura’. Una presenza importante quella dell’Emilia Romagna, che ha portato ben tre città in finale grazie all’associazione Destinazione Turistica Emilia, un brand che promuove proprio i territori di Parma, Piacenza e Reggio Emilia con iniziative promozionale ed eventi concordati per attrarre insieme sempre più visitatori. Parma è stata scelta dalla giuria di esperti per la sua ‘capacità di attivare e coordinare un sistema estremamente complesso di soggetti, allargato su base territoriale estesa‘. Il progetto parmense ha saputo attivare i privati e il mondo dell’università e della ricerca realizzando ‘un sistema di offerta culturale di ottimo livello realizzato con esplicita attenzione ai giovani nell’integrazione di discipline artistiche, con particolare riferimento alla tradizione musicale‘.

Il progetto vincente

Parma ha presentato alla giuria di esperti del MIBACT un progetto che prevede sette distretti socio-culturali in diverse aree della città, che diventano spazi di creatività e innovazione. ‘La cultura batte tempo‘ è il claim scelto per le trentadue attività previste, tra opere, esposizioni, rassegne e produzioni, realizzate coinvolgendo tutte le istituzioni di Parma, in una virtuosa sinergia tra pubblico e privato. Della città ducale ha convinto il multiculturalismo e l’aver saputo coniugare la Parma nuova a quella storica, con uno sviluppo sul fronte della cultura, dell’urbanistica, del turismo, degli ambienti educativi, delle pari opportunità. Tra i progetti più interessanti c’è la ristrutturazione dell’Ospedale Vecchio, che diventerà un luogo della memoria, e la rivitalizzazione del quartiere Oltretorrente. Il sindaco della città, Federico Pizzarotti, ha dichiarato: “Ora abbiamo una grande possibilità. Dopo gli anni della speculazione, dei grandi debiti, questa vittoria è un bellissimo messaggio alla città. Di fronte abbiamo una scommessa di trasformazione culturale che poggia sulla condivisione di un progetto trasversale e partecipato“.

L’iniziativa

Il titolo di capitale della cultura “non è un’etichetta o un premio da esibire, è una responsabilità che ci pone sotto gli occhi di tutto il Paese e non solo” ha aggiunto il primo cittadino di Parma. Effettivamente negli anni l’iniziativa ha significato per tante città un’occasione di rinascita. Da Cagliari a Ravenna, da Siena a Mantova, nel 2018 è Palermo che ha vinto il titolo, mentre nel 2019 sarà il turno di Matera, la città dei sassi. In ogni edizione la capitale della cultura ha dimostrato di essere un punto di partenza per lo sviluppo economico e architettonico delle città, sapendo coinvolgere le energie dei privati, che per il MIBACT sono sempre più un punto di riferimento per sostenere l’inestimabile patrimonio storico e artistico del paese (basti pensare allo straordinario successo dell’Art Bonus).

NOTIZIE CORRELATE

News

Aule Natura: il progetto per il ritorno a scuola in sicurezza

14 Set 2020

Gli spazi verdi possono contribuire a una ripresa sicura delle lezioni scolastiche. Le scuole italiane hanno a loro disposizione ben 64,5 milioni di metri quadri di spazi verdi, collocati all’esterno degli edifici, da utilizzarsi per una didattica di qualità all’insegna

News

Salvini aggredito, Berlusconi migliora, De Laurentiis positivo: l’ironia web

di Fabio Tilocca, 11 Set 2020

Bentornati alla nostra rassegna social che oggi si apre con una notizia drammatica.   L’aggressione subita da Salvini apre nuovi scenari, un po’ come fossero delle primarie.   Matteo Salvini sicuramente avrà già pronti altri rosari. Poverini.   È in

News

Legambiente lancia 10 proposte per un uso green del Recovery Fund

di Manuela Michelini, 7 Set 2020

È un obiettivo ambizioso quello suggerito da Legambiente circa l’utilizzo delle risorse del Recovery Fund. Il fondo di recupero, strumento richiesto a gran voce dall’Italia per arrestare l’impatto devastante del Coronavirus, può garantire una svolta green al nostro paese. L’associazione