News

Natale anti spreco e sostenibile: consigli per un corretto riciclo

di Manuela Michelini, 20 Dic 2018

A Natale, come ogni anno, la tradizione ci vede impegnati nella preparazione di pacchetti regalo, addobbi, pranzi e cenoni.

Ma terminate le feste che fine fanno ad esempio gli imballaggi?

Dobbiamo pensare che non può finire tutto nel cestino dell’indifferenziata, per rimpolpare le già stracolme discariche. È importante imparare a ragionare in termini di riciclo.

Per questo può risultare davvero utile scorrere i consigli proposti dal vademecum per le festività a basso impatto ambientale, e procedere con un corretto recupero e riciclo del packaging in carta e cartone.

 

Comieco ci aiuta in questo percorso sostenibile considerando l’uso delle doggy bag e dispensando tanti pratici suggerimenti su come trattare ad esempio le confezioni di pandoro e panettone.

Il Consorzio nazionale recupero e riciclo degli imballaggi mette in fila tutta una serie di comportamenti virtuosi e di tendenza, da seguire per una corretta raccolta differenziata anche sotto l’albero.

 

Natale, festa fra pacchi e pranzi: scegliamo di rispettare l’ambiente

Natale, lo sappiamo bene, è uno fra i momenti più attesi dell’anno, da consumarsi fra regali, pranzi e cenone.

È possibile però scegliere di festeggiare senza danneggiare l’ambiente.

La raccolta differenziata infatti non va in vacanza con le feste di Natale.

 

Come ogni anno a Natale assistiamo ad un aumento di carta e cartone e ad uno spreco sconsiderato di cibo.

A fronte di tutto ciò non dobbiamo farci cogliere impreparati e con pochi gesti possiamo regalare al Natale la sostenibilità che merita.

 

Al ristorante chiediamo la doggy bag anche a Natale

Al ristorante ad esempio dobbiamo imparare a chiedere la doggy bag per portare a casa il cibo che abbiamo avanzato, evitando che finisca nella pattumiera e venga sprecato.

 

A Natale realizziamo pacchetti sostenibili

Per incartare i doni impariamo a realizzare pacchetti sostenibili utilizzando imballaggi in carta, cartone e cartoncino che non si usano più.

Realizzare deliziose confezioni natalizie fai-da-te non è difficile. Utilizziamo vecchi cesti, vassoi e cassette della frutta, confezioni in cartoncino e sacchetti in cartone, carte geografiche, vecchi giornali, così come il cartoncino cannettato delle confezioni di biscotti e diamo libero sfogo alla fantasia.

Si tratta di mettere a segno semplici comportamenti e il gioco è fatto.

 

Per un Natale green 8 semplici consigli

  1. Partiamo dalla carta oleata di antipasti e affettati.

Il dubbio, una volta utilizzata, è dove riporla. È sbagliato metterla nella carta perché non è riciclabile e deve essere gettata nei bidoni dell’indifferenziata, a meno che non sia indicato sulla confezione che, se pulita, può essere riciclata con la carta.

Infatti è bene notare che negli ultimi anni molte imprese hanno sviluppato tutta una serie di nuovi imballaggi riciclabili.

Prima di conferire nei bidoni un rifiuto quindi è importante leggere le informazioni riportate!

 

  1. Come dobbiamo comportarci con la carta da forno utilizzata per la cottura dei primi piatti?

Anche in questo caso deve essere buttata nei bidoni dell’indifferenziata, non prima però di aver letto con attenzione le informazioni riportate sulle confezioni.

 

  1. Le confezioni nelle quali acquistiamo cotechino e zampone sono realizzate con involucri diversi. Come possiamo buttarli?
    Occorre separare la confezione di cartone, che va conferita nella carta, dall’involucro interno che protegge il prodotto di norma un poliaccoppiato a prevalenza plastica (C/LDPE 90) va gettato nella raccolta della plastica.

 

  1. Anche le confezioni di pandoro e panettone devono essere separate, suddivise fra raccolta differenziata del cartone e della plastica.

 

  1. Gli scontrini fiscali dei regali o delle cene al ristorante vanno gettati nell’indifferenziata. Si tratta infatti di carta ma trattata chimicamente.

 

  1. È importante leggere sempre le etichette dei prodotti al momento dell’acquisto ma anche successivamente per avere la certezza delle scadenze dei prodotti, apprendere tutte le informazioni sulla conservazione e sull’uso, ma anche perché sempre più spesso si trovano interessanti informazioni sul corretto riciclo dell’imballaggio.

 

  1. Gli imballaggi che contengono frutta e verdura devono preservare questi preziosi alimenti anche all’interno del frigorifero sino al momento dell’utilizzo.
    L’imballaggio infatti consente di conservare l’integrità del prodotto e lo protegge.
    Solo successivamente al consumo di frutta e verdura l’imballaggio potrà essere buttato seguendo le indicazioni specifiche.

 

  1. Quando si apre un pacco di biscotti, di pane o di dolciumi, come dobbiamo conservare il prodotto? Anche in questo caso la risposta corretta è all’interno dell’imballaggio, dentro il quale abbiamo acquistato la merce.
    Le confezioni originarie favoriscono la corretta conservazione, dobbiamo quindi richiuderle al meglio. Poi la confezione dovrà essere buttata seguendo le regole della differenziata.

 

Dal riciclo tante idee originali per passare del tempo in allegria

Quando fuori è freddo non c’è niente di meglio che tenere impegnati i più piccoli con qualche occupazione interessante.

Abituare i bimbi di casa al riciclo può cominciare dalla scelta di realizzare tanti oggetti originali e divertenti ad esempio con il cartoncino e pochi e semplici attrezzi.

Comieco vi offre una serie di tutorial per costruire: trenini, portagioie, una simpatica scatola origami, quaderni, decori luminosi, biglietti pop up, autolavaggio per le macchinine, casa per le bambole, cornici ed ancora candelabri e deliziosi alberi di Natale.

 

NOTIZIE CORRELATE

News

Seggiolino anti abbandono, Ilva, Liliana Segre sotto scorta, Balotelli a Verona: la rassegna web

di Fabio Tilocca, 8 Nov 2019

Eccoci nuovamente qui con la nostra rassegna social. Oggi parliamo della legge che rende obbligatorio l’uso del seggiolino anti abbandono nelle auto.   I seggiolini anti abbandono sono utili. Ma un po’ del nostro impegno ce lo dobbiamo mettere comunque.

News

La pausa caffè si fa sempre più green

di Manuela Michelini, 8 Nov 2019

La pausa caffè promette di essere sempre più sostenibile. Con RiVending bicchieri e palette del caffè, utilizzati presso i distributori automatici, possono entrare in un ciclo virtuoso di recupero e riciclo. Con l’arrivo sul territorio italiano dei primi 5 mila

News

Cori razzisti: perché il calcio italiano non reagisce?

5 Nov 2019

Dopo i cori razzisti contro Balotelli di domenica scorsa, il giudice sportivo di Serie A ha chiuso il settore Est dello stadio Bentegodi di Verona per una giornata. La società Hellas Verona ha reagito adottando una misura interdittiva nei confronti