News

Mobilità a due ruote: crescono servizi e politiche comunali

di Manuela Michelini, 30 Gen 2019

A fronte di un mercato di settore che si sviluppa costantemente sono i Comuni i primi a dimostrare più attenzione alle politiche per incentivare la mobilità su due ruote.

Lo si deduce dai dati contenuti nel  terzo rapporto dell’Osservatorio Focus2R, voluto da  Confindustria ANCMA e Legambiente, per immortalare le politiche comunali italiane in favore di ciclisti e motociclisti.

 

L’impegno si concretizza nella maggiore disponibilità di servizi di bike e scooter sharing, di parcheggi e incentivi,  nella crescente accessibilità sui mezzi pubblici per trasportare le bici.

Unico neo la sicurezza per la quale si chiedono a gran voce maggiori investimenti.

 

Le due ruote nell’agenda politica delle amministrazioni locali

Le due ruote, soprattutto negli ultimi anni, hanno raccolto sempre più consensi e non stupisce che siano oggetto di politiche comunali a misura.

Provvedimenti che hanno permesso di aumentare la disponibilità media di infrastrutture ciclabili  con un +9% dal 2015, il numero di città dove è consentito trasportare le bici sui mezzi pubblici (+31%), i Comuni dotati di bike sharing (+6,1%), la disponibilità di parcheggi per moto (+11,1%) e un utilizzo sempre più diffuso di vernici antisdrucciolo per la segnaletica stradale (+3,4%).

 

In realtà, anche se i dati sono allettanti, c’è ancora molto da fare soprattutto in tema di sicurezza.

Negli ultimi tre anni alla sicurezza non sono stati dedicati nuovi investimenti, anzi addirittura abbiamo assistito ad un calo di quelli già previsti, come si rileva dalla lettura dei Piani Urbani della Mobilità.

Sono ancora poche le città che offrono incentivi economici dedicati all’acquisto di bici tradizionali (9%), a pedalata assistita (14%), di veicoli a motore termico (2%) e a motore elettrico (4%).

 

Il report mette in evidenza uno sviluppo a “due velocità” della mobilità sostenibile nel nostro paese, con un Centro-Nord più sensibile e dinamico rispetto alle realtà del Sud.

 

Il monitoraggio ha coinvolto 104 municipi

La ricerca voluta da Confindustria ANCMA (Associazione Nazionale Cicli Motocicli Accessori) e Legambiente, è stata elaborata da Ambiente Italia, società di consulenza ambientale, e rappresenta l’istantanea aggiornata delle politiche che le amministrazioni comunali dedicano a ciclisti e motociclisti italiani.

Quest’ultima edizione, presentata lunedì 28 gennaio 2019, è il risultato di un monitoraggio che ha coinvolto 104 municipi e fa il punto su piste ciclabili, guardrail, sharing mobility, parcheggi dedicati, colonnine di ricarica per i veicoli elettrici e tutta una serie di altri dettagli legati all’utilizzo delle due ruote in città.

 

Crescono in città le postazioni di interscambio dedicate alle bici

In Italia sono sempre poche le città che consentono l’accesso di cicli e motocicli alle corsie riservate ai mezzi pubblici, e risulta ancora decisamente insufficiente la presenza media di parcheggi riservati alle bici.

 

Un dato confortante è invece quello che mette in evidenza la crescita dei Comuni che hanno realizzato postazioni di interscambio bici in tutte o in almeno in una stazione ferroviaria.

Positiva anche la crescita del numero di biciclette in dotazione ai bike sharing che vede una media di 156 bici per Comune.

Aumenta anche il numero di punti di ricarica per moto elettriche con un +11,8%.

 

Il mercato di settore si sviluppa costantemente

Il mercato delle due ruote segna un leggero calo nella vendita delle bici tradizionali ma cresce laddove l’acquisto coinvolge un veicolo elettrico

Nel 2017 sono state vendute 148.000 e-bike, in pratica il 19% in più rispetto al 2016.

Nel 2018 risultano immatricolate 240.388 veicoli a due ruote a motore, con un 5,3% in più rispetto al 2017).

A conti fatti le moto registrano un +12,7%, gli scooter +3,7%., i ciclomotori 50 cc -12,3%.

Raddoppiano le vendite degli scooter elettrici, che toccano quota 3 mila, grazie soprattutto alla presenza di flotte riservate allo scooter sharing.

 

NOTIZIE CORRELATE

News

Taglio dei Parlamentari: cosa succede adesso?

16 Ott 2019

Con una maggioranza bulgara, la Camera dei Deputati martedì 8 ottobre ha approvato in via definitiva il disegno di legge costituzionale che prevede il taglio dei parlamentari. Si tratta di una riduzione lineare che alla Camera ridurrebbe i deputati dagli

News

Manovra 2020: le misure approvate dal Consiglio dei Ministri

16 Ott 2019

Lavoro, ambiente, investimenti, famiglia e disabilità: il Consiglio dei Ministri la scorsa notte ha approvato la Manovra 2020. Due i provvedimenti che la compongono: il decreto-legge contenente disposizioni urgenti in materia fiscale e il disegno di legge sul Bilancio di

News

Trump e i curdi, il taglio dei parlamentari e la laurea da influencer: rassegna social

di Fabio Tilocca, 11 Ott 2019

Benvenuti a questa nuova rassegna social che oggi si apre con le dichiarazioni del sempre lucido Trump.   Il Presidente americano ha deciso di ritirare le proprie truppe lasciando via libera all’attacco ai curdi da parte della Turchia.   La