News

Maturità: Caproni, scelta coraggiosa

di Emiliano Liberati, 22 Giu 2017

L’esame di maturità, con le sue ansie, le emozioni, l’attesa spesso insonne e l’idea di non ricordare più nulla. Un’esperienza che resterà per sempre impressa nella memoria di chi la vive, nel suo essere anzitutto sentimento prima ancora che traguardo formativo.

Tra le prove scelte dal MIUR per quest’anno, compare non senza sorprese l’analisi di “Versicoli quasi ecologici” di Giorgio Caproni. Un incontro tra umanità ed ecologia in un rapporto che si inverte. Con la natura protagonista e l’uomo a fare da sfondo quasi fosse, con la sua presenza, il limite al suo pieno compimento.

Scelta controtendenza

Una scelta che potremmo definire in controtendenza rispetto al formalismo di altri momenti, con il tentativo di “istituzionalizzare” – per quanto già presente nei programmi – uno degli autori più importanti della letteratura italiana del novecento.

Fine traduttore di Proust, Baudelaire, Cèline, Flaubert, Maupassant, la sua figura fu riscoperta – ma in modo insufficiente –  dopo la morte avvenuta nel 1990, all’indomani di una vita trascorsa nei primi anni a Livorno ed in seguito a Genova. Una figura spesso trascurata da una programmazione scolastica che non sempre sa “osare”, limitando quel profilo “intellettualmente curioso” che dovrebbe alimentarsi tra docenti e studenti.

Dissidio tra civiltà e natura

Giorgio Caproni, nell’ampiezza della sua letteratura, stimola riflessioni più ardite anche sul mondo odierno. Nell’esaltare il dissidio tra “civiltà e natura”, lui, uomo dalla poetica delicatamente luminosa, capace di un intimismo dai toni forti e dolenti, soprattutto negli scritti più maturi. Straordinari per tecnica stilistica quanto netti nei sentimenti da valorizzare.

Senza la pretesa di un approfondimento compiuto dell’opera e del poeta, l’auspicio è quello di un approdo spontaneo alla sua scrittura. Come un passaggio che colmi il vuoto di sensibile conoscenza che si evince anche dalle reazioni alla prova d’esame.

Quasi a confermare la fretta che spesso caratterizza un sapere dalle troppe ortodossie, con pochi accenni a quella contemporaneità “oltre” che assume il ruolo di sguardo altro sul quotidiano.

Un limite che accomuna uomini ed istituzioni, con la decisione piuttosto lungimirante del MIUR, di coinvolgere idealmente uno dei padri della cultura novecentesca. Non solo un tributo alla persona, ma la consapevolezza di una visione che oltrepassi  una più comoda tradizione culturale. Per una mentalità che anche in questo senso sia in grado di cambiare.

 

 

 

NOTIZIE CORRELATE

News

Cos’è BAT crypto, come funziona e come usare il browser Brave

9 Mag 2022

Basic Attention Token (BAT) è la crypto ufficiale di Brave, un browser open-source progettato appositamente per massimizzare la tutela della privacy degli utenti. Brave, basato sul progetto Chromium, sta diventando sempre più popolare tra gli utenti e tra gli inserzionisti

News

Cofanetti di attività per divertirsi durante le vacanze

21 Apr 2022

La parola vacanza non significa solo relax infinito sdraiato sulla sabbia a prendere il sole: se si guardano le nuove tendenze, si noterà facilmente che sempre più persone sono alla ricerca di esperienze adrenaliniche, che vogliono passare parte del loro

News

Una gita a Napoli: cosa fare durante un viaggio nella città del Sole

18 Feb 2022

Una terra ricca di sapori e vitalità: è la bella Napoli, che ospita i suoi abitanti ma anche molti turisti per soggiorni di varia lunghezza. Trascorrete giornate tra le tradizioni e la cultura partenopea che vi catturerà tra i vicoli