Italia in Parlamento

Martina: un partito aperto contro il populismo

di Redazione, 11 Mar 2017

Un partito aperto, plurale, competitivo e moderno, questa l’idea esposta nel suo intervento di oggi al Lingotto 2017 da Maurizio Martina: “Noi siamo il Partito democratico e non torniamo indietro”. Il Pd vuole guardare avanti e portare a compimento il proprio progetto democratico con “parole e impegni nuovi”, vuole dare un senso di marcia e di prospettiva, una proposta “larga e partecipata” per sconfiggere il populismo, il qualunquismo, l’antipolitica.

Il futuro

Guardando al futuro, Martina si è concentrato soprattutto sull’unità del Partito: non contano le provenienze, conta soltanto la “nuova appartenenza comune”. Diversi e uniti è possibile. Troppo spesso, infatti, nella sinistra, la via della divisione e della diffidenza verso il vicino ha regalato alla destra vittorie immeritate. Per questo Martina parla di cambiamento: “cambiamo ancora, mettiamoci ancora in cammino… c’è ancora tanto impegno civico che va accolto, apriamo le porte e le finestre dei nostri circoli”. Dialogo, apertura, unità.

Citando Giulio Regeni, il ministro delle Politiche Agricole ha parlato della necessità di “una riscoperta del patto sociale tra cittadini e istituzioni”, della partecipazione democratica. La sua è una visione europeista, dove “la sovranità europea è la sovranità italiana”, e ancora di più la visione di un Paese a logica maggioritaria. Il Paese ha bisogno di un rinnovamento delle istituzioni e di un Governo che faccia le cose, che si sporchi le mani e non che sia soltanto testimone.

Il lavoro

Ma il tema più importante è quello del lavoro, soprattutto in rapporto con la questione generazionale. Secondo Martina il Partito democratico ha invertito la rotta verso la giusta direzione, ma deve fare ancora molto di più: “ci deve essere una nuova stagione dei diritti nel lavoro”, e la diversità tra destra e sinistra si misurerà proprio sulle le risposte concrete che daranno a queste sfide.

Applaudito con energia dal pubblico, il ministro ha sottolineato la necessità di un prelievo europeo sulle transazioni finanziare speculative: in questo modo, ha detto, “potremmo raddoppiare quello che abbiamo messi sul reddito d’inclusione contro la povertà, oggi”. Bisogna dedicarsi alla difesa e alla promozione del lavoro, trovare soluzioni al rapporto tra la rivoluzione digitale e il mondo del lavoro. E poi ancora la questione fiscale: “Bisogna pagare meno e pagare tutti”, c’è troppa tassazione sui redditi di lavoro, le tasse vanno pagate dove si producono i profitti.

 

Per concludere, un ricordo di Aldo Cervi, partigiano e visionario, che nel 1939 comprò il primo trattore della sua zona e issò come bandiera un mappamondo: “Al di là della sua terra c’erano molte altre terre”.

 

NOTIZIE CORRELATE

Italia in Parlamento

Taglio dei Parlamentari: cosa succede adesso?

16 Ott 2019

Con una maggioranza bulgara, la Camera dei Deputati martedì 8 ottobre ha approvato in via definitiva il disegno di legge costituzionale che prevede il taglio dei parlamentari. Si tratta di una riduzione lineare che alla Camera ridurrebbe i deputati dagli

Italia in Parlamento

Fine del governo Conte I

20 Ago 2019

Il governo Conte I finisce qui e con lui lo schieramento giallo-verde. Con le comunicazioni di Conte al Senato oggi è stata sancita la fine del governo del cambiamento e del contratto stilato 14 mesi fa tra Lega e Movimento

Italia in Parlamento

Crisi di governo, elezioni anticipate o esecutivo tecnico

13 Ago 2019

Doppio salto mortale con avvitamento a destra e a sinistra. Oggi il Senato ha deciso le tappe della crisi di governo: il 20 agosto il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, si presenterà in aula a Palazzo Madama e farà le