Blog

Ius soli e la solita fabbrica dei No

di Matteo Tuveri, 20 Giu 2017
Grandi polemiche in questi giorni sullo Ius Soli, accompagnate dai giochi circensi (anche di mano) dei “soliti noti” nel luogo dove la legge viene votata. Non mi soffermo sull’enorme significato di una legge di “Ius Soli temperato” (diritto del suolo in latino), accompagnata da un importante concetto di “Ius Culturae” (cittadinanza ottenuta a seguito di un percorso scolastico), per i numerosi bambini e ragazzi nati in Italia, che hanno vissuto e vivono (rispettandole) le leggi, le tasse, la scuola, la lingua, il traffico, la disoccupazione e tutte le gioie e i dolori legati all’essere italiani. 

La proposta di legge

Superfluo farlo visto che non solo motivazioni di tipo etico e morale imporrebbero una tale legge, ma anche motivazioni di tipo economico (legato alle pensioni, ai servizi e alle tasse) e di tipo demografico. Superfluo anche perchè la proposta di legge, disponibile sul sito web della Camera, parla abbastanza chiaro.
Quello che non appare chiara è la – chiamiamola – “mens rea” dei contrari (o degli astenuti che, ricordiamolo, in Senato equivalgono): si va dal “pensiamo prima agli italiani” al “pensiamo prima al lavoro”, come se un diritto escludesse l’altro o un diritto togliesse diritti ad altri, fino ad arrivare al “la legge è un pastrocchio” ma senza indicare nelle sedi opportune cosa la renderebbe tale.
Tale atteggiamento, in vari gradi e misure, i cittadini l’hanno riscontrata, puntuale con il medesimo copione, per l’approvazione della regolamentazione del lavoro occasionale (pensare che il lavoro occasionale non esista, e non normarlo, equivale a lasciare soli i lavoratori), per le Unioni Civili, per il Dopo di Noi, per la legge contro il Caporalato, per la riforma della PA, per il Jobs Act e per l’assunzione dei precari nella scuola (non me ne vogliate se dimentico qualcosa). 

La solita fabbrica dei NO

Per quanto comprensibili -e necessarie – le critiche costruttive a un testo di legge, appare nebulosa e tendenziosa la fabbrica di No messa in piedi da certe parti politiche.
Viene da chiedersi, incuriositi e un po’ straniti, se a dire no a tutto non ci si condanni a una paralisi a uso e consumo di un inquietante progetto nichilista e populista in cui a perdere non sono solo le istituzioni, ma anche i cittadini nella loro totalità perchè, si sa, ogni diritto riconosciuto contribuisce a una democrazia più solida. 
Laureato in Lingua e Letteratura tedesca e inglese, è libero ricercatore, biografo dell'imperatrice Elisabetta d'Austria-Ungheria e finalista in diversi concorsi letterari.

NOTIZIE CORRELATE

Blog

Commentario/Proposta semiseria rivolta agli amici renziani

di Luciano Scalia, 23 Lug 2017

Parevano disgrazie erano opportunità. Tuoni, fulmini, nere nubi si addensano sul nostro Partito e sul suo segretario. Una folta schiera di imbonitori di tutte le razze – giornali e giornalisti, telegiornali e commentatori, politici e politicanti, troll,  cassandre e grilli

Blog

Commentario/Matteo Renzi, “Avanti” e fenomenologia della stampa

di Luciano Scalia, 14 Lug 2017

Lo dichiaro: ho passato una giornata prima ad ascoltare la conferenza stampa di Matteo Renzi per la presentazione del suo libro, e poi a seguire la trasmissione di Enrico Mentana con il segretario come ospite. “Masochista”,  direte voi! Ho fatto

Blog

Punire l’apologia di fascismo è “liberticida”? Il M5s sfida la logica

di Tommaso Beccatti, 10 Lug 2017

Un paio di giorni fa  abbiamo tutti riso e scherzato – qualcuno si è persino indignato – sull’infelice card tratta dal libro di Matteo Renzi e poi pubblicata dalla pagina Facebook del Partito Democratico: uno goffo post, una sintesi sbagliata