News

I giovani scelgono i consumi green

di Manuela Michelini, 21 Gen 2020

A confermarlo sono i numeri: 1 giovane su 3 sceglie di consumare sostenibile e opta per soluzioni green.

È infatti il 38% dei più giovani a sostenere l’ambiente considerando che lo stesso rappresenta un’emergenza pressante, seconda soltanto a quella della ricerca del famigerato posto di lavoro.

La risposta dei più giovani si traduce nelle scelte di consumo, modificatesi radicalmente negli ultimi anni. Soluzioni che mettono al centro l’ambiente e considerano determinante l’acquisto di abiti e accessori usati, l’utilizzo del car sharing per spostarsi in città, gli acquisti a km zero e via di questo passo.

I dettagli della tendenza emergono netti dalla prima indagine Coldiretti-Ixe’ su “La svolta green delle nuove generazioni” illustrata in occasione della consegna degli Oscar Green, il premio all’innovazione per le imprese che creano sviluppo e lavoro con i giovani veri protagonisti italiani del Green Deal.

Gli under 35 e le scelte a tutela dell’ecosistema

Gli under 35 scelgono di adottare tutta una serie di soluzioni a tutela dell’ecosistema.

Si parte dal cibo considerando soluzioni a km zero, come dichiara il 77% degli intervistati, e si procede con la decisione di muoversi a piedi ogni volta che è possibile preferendo questa tipologia di spostamenti a quelli in macchina o in moto (64%). Il 56% degli under 35 dichiara di rinunciare all’uso dei condizionatori, e sottolinea la propensione all’acquisto di prodotti alimentari biologici anche se costano di più (56%). È inoltre il 33% a sostenere di essere pronto a rinunciare ad una vacanza se prevede un viaggio in aereo.

“Non è un caso – spiegano in Coldiretti – che le tematiche ambientali siano spesso o addirittura spessissimo al centro delle conversazioni del 64% dei giovani sotto i 25 anni, contro una media generale del 48%”.

Chieste le manette per i responsabili di danni ambientali

La propensione alla sostenibilità si rivela anche nella scelta che porta quasi 1 giovane su 2 (48%) a chiedere le manette per i responsabili di danni ambientali come sversamento di petrolio in mare, o inquinamento dei terreni. È addirittura il 52% a propendere per la comminazione di una grossa multa, e il pagamento di un rimborso, a spese di chi commette un danno ambientale di grande portata.

Come sottolinea Coldiretti-Ixe’, per quasi sei giovani su 10 (59%) il rispetto della natura e della sostenibilità è una scelta in grado di creare nuova occupazione.

I settori che inquinano di meno

“Nella classifica green dei settori che inquinano di meno – continua Coldiretti – i giovani mettono in testa l’agricoltura, che precede l’edilizia, il comparto energetico e i trasporti, con l’industria fanalino di coda. Proprio la campagna viene indicata inoltre dall’80% degli under 35 come una risorsa per l’ambiente, poiché contrasta i cambiamenti climatici e il consumo di suolo e protegge le risorse naturali”.

“La nuova attenzione dei giovani per le tematiche ambientali rappresenta una base importante da cui partire per modernizzare e trasformare l’economia italiana ed europea – sottolinea il presidente della Coldiretti Ettore Prandini -, orientandola verso una direzione più sostenibile in grado di combinare sviluppo economico, inclusione sociale e ambiente”.

Le risposte dei più giovani

Alla domanda che cosa saresti disposto a fare per tutelare l’ambiente vediamo come hanno risposto i più giovani.

  • Al primo posto troneggia l’ipotesi di mangiare solo prodotti a km zero e di stagione, che ha toccato quota 77%;
  • al 64% troviamo la scelta di rinunciare o di ridurre drasticamente gli spostamenti in auto, scooter o motocicletta, ipotizzando di andare a piedi ogni qualvolta risulti possibile;
  • all’idea di rinunciare all’aria condizionata è disponibile il 56%
  • il 56% è inoltre pronto a spendere di più a patto che gli acquisti prevedano solo prodotti alimentari biologici;
  • infine, il 33% rinuncerebbe da subito alle vacanze qualora prevedessero spostamenti in aereo.

 

NOTIZIE CORRELATE

News

Riusa, ricicla e differenzia: partita la campagna social #ricicloincasa

di Manuela Michelini, 24 Mar 2020

Un obbligo come quello che ci impone di restare a casa può essere l’occasione per aguzzare l’ingegno scegliendo di riusare e riciclare i rifiuti nella maniera più creativa possibile. È questo l’input lanciato dalla campagna social #ricicloincasa, proposta dal ministero

News

Coronavirus, tutto quello che sta succedendo sui social

di Fabio Tilocca, 20 Mar 2020

Come ogni settimana torniamo con la nostra rassegna social e, come da un po’ di settimane, parleremo di un unico argomento: il coronavirus e come ha cambiato le nostre vite.   Eh sì, reclusi in casa si tende a mangiare

News

3 attività green da fare in casa ai tempi del Coronavirus

di Manuela Michelini, 17 Mar 2020

Con il progetto Ecco (Economie Circolari di Comunità) Legambiente promuove l’economia circolare anche da casa. In tempi di Coronavirus, tenendo fede all’hashtag #iorestoacasa, la proposta dell’associazione ambientalista ruota attorno a tre attività ‘circolari’ che fanno bene al Pianeta e si