Italia in Parlamento

Formazione: la classe dirigente non si seleziona con un click

di Luca Soldini, 22 Mag 2017

Esiste una profonda e ineliminabile differenza tra chi pensa che guidare un Paese sia una cosa seria, e chi, invece, non si cura del fatto che a pagare l’inesperienza siano i cittadini e la gente comune; tra chi seleziona la propria classe dirigente attraverso l’insegnamento e chi, ancora, sceglie i candidati con un’esigua manciata di “mi piace” su una piattaforma oscura e inaccessibile.

La scuola del Partito democratico

Sabato scorso, il 20 di maggio, è partita a Milano la scuola di formazione del Partito democratico, intitolata a uno dei più grandi intellettuali contemporanei: Pier Paolo Pasolini.

L’ideatore è il professor Massimo Recalcati, scrittore e psicoanalista. “La formazione politica” ha detto Recalcati in una intervista “non coincide con l’abilità di navigare su internet, né con il tecnicismo della buona, ordinata e necessaria amministrazione”.

La politica è qualcosa di più: è desiderio, orizzonte e sogno. Ma soprattutto fare politica significa individuare gli strumenti attraverso cui realizzare quel desiderio, quell’orizzonte e quel sogno. La grande novità della scuola intitolata a Pasolini sta nel fatto che si ritorni a pensare che una classe dirigente debba essere “formata”, ossia fornita degli strumenti e delle capacità per rispondere alle esigenze dei cittadini che in quella classe politica hanno riposto la propria fiducia.

La politica trasparente

Matteo Renzi, nel suo discorso durante la prima giornata, ha detto che c’è bisogno di passare dagli “specchi alle finestre”, nel senso che la politica ha necessità di essere trasparente e rivolta verso l’esterno, piuttosto che chiusa e autoreferenziale.

Centinaia di giovani hanno deciso di dedicare energie, tempo e mente a questo importante momento di formazione, che rilancia un’idea troppo spesso dimenticata: la politica implica – se non addirittura presuppone – preparazione, coraggio e convinzione, perché non esiste niente di peggio che alimentare una speranza senza essere in grado di realizzarla.

 

 

NOTIZIE CORRELATE

Italia in Parlamento

Taglio dei Parlamentari: cosa succede adesso?

16 Ott 2019

Con una maggioranza bulgara, la Camera dei Deputati martedì 8 ottobre ha approvato in via definitiva il disegno di legge costituzionale che prevede il taglio dei parlamentari. Si tratta di una riduzione lineare che alla Camera ridurrebbe i deputati dagli

Italia in Parlamento

Fine del governo Conte I

20 Ago 2019

Il governo Conte I finisce qui e con lui lo schieramento giallo-verde. Con le comunicazioni di Conte al Senato oggi è stata sancita la fine del governo del cambiamento e del contratto stilato 14 mesi fa tra Lega e Movimento

Italia in Parlamento

Crisi di governo, elezioni anticipate o esecutivo tecnico

13 Ago 2019

Doppio salto mortale con avvitamento a destra e a sinistra. Oggi il Senato ha deciso le tappe della crisi di governo: il 20 agosto il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, si presenterà in aula a Palazzo Madama e farà le