News

Economia italiana in fase di stallo: Pil fermo

30 Ott 2018

Secondo l’Istituto di Statistica, l’economia italiana è entrata in una fase di stagnazione. Pubblicata questa mattina la stima Pil del terzo trimestre 2018, «espresso in valori concatenati con anno di riferimento 2010, corretto per gli effetti di calendario e destagionalizzato» risulta invariato rispetto al trimestre precedente.

Il comunicato dell’Istat riporta che la dinamica dell’economia italiana è risultata stagnante; dopo una tendenza espansiva, registrata negli ultimi tre anni, ora è entrata in una fase di stallo.

Essendo già stata registrata una fase di progressiva decelerazione della crescita, questo comporta un abbassamento del tasso di crescita tendenziale del Pil, che dall’1,2% del secondo trimestre, passa allo 0,8%.

Il comunicato dell’Istat specifica che la stima ha natura provvisoria e «riflette la perdurante debolezza dell’attività industriale manifestatasi nel corso dell’anno dopo una fase di intensa espansione appena controbilanciata dalla debole crescita degli altri settori».

L’andamento del prodotto interno lordo

I grafici dell’Istat, riportano l’andamento del Pil italiano negli ultimi 10 anni: Dopo una risalita tra il 2006 e il 2008, il Pil ha subito una brusca caduta dovuta alla crisi economica mondiale. Arrivato a valori bassissimi alla fine del 2012, è quindi iniziato a risalire fino al 2018, anno durante il quale ha segnato dapprima un rallentamento, quindi lo stop di questo terzo trimestre.

Rispetto al precedente, nel terzo trimestre del 2018 si registra una diminuzione del valore aggiunto dell’industria; aumenta invece quello dell’agricoltura, della silvicoltura, della pesca e dei servizi.

Per quanto riguarda la domanda, la stima provvisoria purtroppo indica un numero 0 sia sul fronte della componente nazionale che di quella estera.

Le conseguenze dello stop del Pil

Subito dopo la pubblicazione dell’Istat sul Pil italiano, Piazza Affari ha iniziato a segnare un numero in rosso e lo spread BTp/Bund è ritornato verso i 300 punti.

La manovra domani in Parlamento

Il Parlamento intanto attende per domani la manovra finanziaria 2019. Oggi il ministro dell’economia Giovanni Tria ha avuto un faccia a faccia con il presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Il testo è all’esame della Ragioneria e del Mef.

NOTIZIE CORRELATE

News

CasaPound oscurata sui social, il gigante buono e gli spogliatoi del San Paolo: rassegna web

13 Set 2019

Puntuali come chi ti dice “finisco di truccarmi ed esco”, eccoci con la nostra nuova rassegna social: il nuovo governo giallo rosso è ormai formato e Conte detta le nuove linee di comportamento.   Il linguaggio, dopo un anno di

News

Paolo Gentiloni è il candidato commissario italiano della Commissione Europea

di Giovanni Crisanti, 6 Set 2019

Paolo Gentiloni è il candidato dell’Italia per il ruolo di commissario europeo. Nonostante la data di scadenza per ogni Stato membro dell’Unione Europea per presentare il candidato commissario alla Commissione fosse il 26 di agosto, l’Italia ha infine presentato il

News

Giura il governo Conte II

5 Set 2019

Giura questa mattina davanti al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, il governo Conte II. Si tratta dell’esecutivo più giovane di sempre, con una media di 47 anni. 10 ministri per il Movimento 5 Stelle, 9 per il Partito Democratico, 1 di