News

Def: ecco tutte le misure contenute

5 Ott 2018

Il Def approda in Parlamento. Ecco tutte le misure contenute dal documento, dal reddito di cittadinanza alle pensioni, alla riforma Fornero alla Flat tax, alle banche.

Ieri sera il ministro dell’Economia Giovanni Tria ha depositato alle Camere la nota di aggiornamento al Def e la relazione al Parlamento. Il deficit arriverà al 2,4% per una cifra pari a 16 miliardi (di debiti).

Queste le misure contenute.

 

Pensioni: 7 miliardi per il superamento della legge Fornero

Dopo il balletto dei numeri di ieri dove i due vicepremier si contendevano qualche miliardo di euro per le rispettive misure, il Def contiene 7 miliardi per il superamento della legge Fornero.

Tema molto a cuore a Salvini e alla Lega (ma rivendicato anche dal M5S), la possibilità di andare in pensione prima prevede il meccanismo di quota 100. Si potrà andare in pensione se la somma tra età e contributi arriva a questa cifra con il limite di 62 anni e 38 anni di versamenti. Potrebbe essere anche bloccato l’aumento dell’aspettativa di vita (5 mesi), in questo modo anche nel 2019 si potrà andare in pensione anticipata con 42 anni e 10 mesi di contributi anziché 43 e 3 mesi.

 

Reddito di cittadinanza e pensione di cittadinanza

Sono 9 alla fine i miliardi destinati al reddito e alla pensione di cittadinanza. La misura è il cavallo di battaglia del M5S. Il provvedimento riguarderà circa 6,5 milioni di persone che in questo momento vivono sotto la soglia di povertà. Le pensioni minime arriveranno a 780 euro. Previste anche misure per rafforzare i centri per l’impiego.

Quattro i requisiti per ottenere il reddito di cittadinanza: cercare attivamente un lavoro, aver completato i percorsi di formazione, essere in disoccupazione forzatamente e avere un reddito familiare molto basso. Questo dimostra che si tratta di reddito minimo garantito e non reddito di cittadinanza.

Si perde il diritto se si rifiutano tre proposte di impiego congrue. L’assegno dovrebbe ammontare a 780 euro mensili. Il tutto dovrebbe essere gestito dai Centri per l’impiego che però dovranno essere rafforzati.

 

Flat Tax in aiuto delle partite Iva

In aiuto delle piccole imprese arriverà la flat tax con un prelievo del 15% forfettario. La soglia del regime forfettario potrebbe arrivare fino a 65mila euro di ricavi per piccole imprese e lavoratori autonomi. Secondo le stime della Lega, l’iniziativa potrebbe far risparmiare circa 10 mila euro l’anno a circa un milione e mezzo di partite Iva.

 

Banche e risarcimenti

I truffati dalle banche riceveranno più soldi; arriva circa 1 miliardo e mezzo per l’istituzione di un fondo specifico in aiuto di chi è stato truffato. Il fondo dovrebbe essere finanziato dal prelievo sui conti dormienti.

 

Pace fiscale (ma non condono)

Prevista una rottamazione (la terza) seppure rivista e corretta delle cartelle esattoriali. Ravvedimento forzato e chiusura delle liti potenziali. La pace fiscale verrà gestita in due tempi.

Sulle liti pendenti si rivede il meccanismo della sanatoria 2017: chi ha già vinto in primo o secondo grado riceverà uno sconto più alto. La rottamazione-ter avrà un piano dilazionato in 5 anni e potrebbe riguardare anche la riscossione del 2018. La chiusura delle cartelle di Equitalia avrà un impatto una tantum sui conti di circa 500 mila euro.

 

NOTIZIE CORRELATE

News

Olio di CBD: come utilizzarlo per il benessere del nostro organismo

20 Gen 2021

Sempre più spesso si sente parlare di CBD e di prodotti a base di questo composto, grazie alla grande diffusione che hanno avuto negli ultimi anni. Per questo motivo anche le persone che si domandano come mai il CBD sia

News

Tenersi in forma con l’home fitness anche in tempi di lockdown

15 Gen 2021

Il Covid19 può lasciare un segno indelebile nel corpo e nella mente di chi ne ha subito la portata. La pandemia coinvolge inevitabilmente anche chi non si è ammalato in prima persona, ma deve fare i conti e sopportare le

News

Dalla micromobilità al noleggio sostenibile, il trasporto sarà green?

8 Gen 2021

La qualità della vita dipende, inevitabilmente, dalla qualità dell’aria che respiriamo: la pandemia ha contribuito ad acuire questa consapevolezza che, ormai, non riguarda solo i cosiddetti ecologisti, ma è di comune dominio. Congestione del traffico e inquinamento – nelle grandi