News

Debunking/ Cosa vuol dire “rimpatriare tutti i clandestini”?

7 Feb 2018

“L’immigrazione è una questione urgentissima. Oggi in Italia si contano almeno 630 mila migranti di cui solo il 5%, e cioè 30 mila, ha diritto di restare in quanto rifugiati e cioè fuggiti da guerra e morte. Gli altri 600 mila sono una bomba sociale pronta a esplodere, perché vivono di espedienti e di reati”. Sì, esattamente con queste parole: “bomba sociale”, l’ex premier Silvio Berlusconi, ha definito il fenomeno dell’immigrazione dei migranti comunemente etichettati come “clandestini“. “Rimpatriamo tutti” è il motto dell’aspirante primo ministro leader di Forza Italia che torna a gamba tesa nello scenario politico per puntare dritto alla pancia degli elettori cavalcando il malcontento generale. Ma quello che Silvio Berlusconi dimentica di dire è: quanto costa questa operazione allo Stato? E soprattutto, chi rimpatriare e dove? Ecco alcuni dati per fare un po’ di chiarezza.

I costi: il primo aspetto di cui la politica di destra non parla

Partiamo da un numero: 600mila migranti “clandestini” da rimpatriare subito, stando all’allarme lanciato dal candidato forzista. Ora, se questo dato fosse vero e se si ipotizzasse di rimpatriare 200 migranti al giorno, ci vorrebbero almeno otto anni e quattro mesi. Non solo: anche il capitolo costi avrebbe il suo peso. Per portare un immigrato irregolare fuori dall’Italia ci vogliono infatti almeno 4mila euro: oltre al costo del biglietto vanno infatti considerate le spese per il personale (agenti di scorta, poliziotti, medici), oltre al carburante e al noleggio del mezzo. Insomma, ammesso che si riuscisse a riempire un aereo, ogni singolo viaggio costerebbe allo Stato 800mila euro.

Le destinazioni: chi rimpatriamo e dove? Cose che la Destra non sa

Prima di proseguire nel tema dei rimpatri è opportuno chiarire quali migranti si tende genera, mente a definire “clandestini” nel linguaggio comune anche se il termine esatto è “irregolari”, secondo quanto suggerito da una recente risoluzione del Consiglio d’Europa. In questo elenco sono da ascrivere anche i richiedenti asilo che non hanno ottenuto la protezione internazionale e i migranti con permesso di soggiorno scaduto. “Rimpatriare i migranti” irregolari significa ricondurli nei loro paesi di origine, ma l’Italia ha accordi in essere solo con quattro dei tanti paesi di provenienza estera: Tunisia, Marocco, Egitto e Nigeria. Restano fuori quindi paesi come Guinea, Bangladesh, Costa d’Avorio, Gambia, Senegal, Sudan con cui l’Italia non ha stretto nessun tipo di collaborazione in questo senso. Pertanto, i migranti provenienti da questi paesi non godono di protezione umanitaria ma non possono essere rimpatriati. Vengono identificati e detenuti nei CIE (centri di identificazione ed espulsione) e “liquidati” con un foglio di via: sette giorni di tempo per lasciare il Paese. Sono in tanti a far perdere le proprie tracce e a restare in Italia.

 

NOTIZIE CORRELATE

News

Seggiolino anti abbandono, Ilva, Liliana Segre sotto scorta, Balotelli a Verona: la rassegna web

di Fabio Tilocca, 8 Nov 2019

Eccoci nuovamente qui con la nostra rassegna social. Oggi parliamo della legge che rende obbligatorio l’uso del seggiolino anti abbandono nelle auto.   I seggiolini anti abbandono sono utili. Ma un po’ del nostro impegno ce lo dobbiamo mettere comunque.

News

La pausa caffè si fa sempre più green

di Manuela Michelini, 8 Nov 2019

La pausa caffè promette di essere sempre più sostenibile. Con RiVending bicchieri e palette del caffè, utilizzati presso i distributori automatici, possono entrare in un ciclo virtuoso di recupero e riciclo. Con l’arrivo sul territorio italiano dei primi 5 mila

News

Cori razzisti: perché il calcio italiano non reagisce?

5 Nov 2019

Dopo i cori razzisti contro Balotelli di domenica scorsa, il giudice sportivo di Serie A ha chiuso il settore Est dello stadio Bentegodi di Verona per una giornata. La società Hellas Verona ha reagito adottando una misura interdittiva nei confronti