News

Ddl concretezza: cosa cambierà per la PA

14 Set 2018

Il Consiglio dei Ministri il 13 settembre ha approvato il disegno di legge concretezza, ad illustrarlo è stata il ministro per la Pubblica Amministrazione, Giulia Bongiorno.

Già soprannominato per praticità ma erroneamente decreto concretezza, il Ddl “Interventi per la concretezza delle azioni delle Pubbliche Amministrazioni e la prevenzione dell’assenteismo_” è un disegno di legge ordinario che in Parlamento seguirà l’iter standard.

Nessuno quindi da domani verrà a prendere le impronte digitali per vedere se siete o meno in ufficio.

Gli scopi del Ddl concretezza

Sei gli articoli del provvedimento che si pone come obiettivo principale quello di individuare soluzioni concrete per garantire l’efficienza nella PA. Il miglioramento della sua organizzazione amministrativa ed un aumento della qualità dei servizi erogati.

Il nucleo della Concretezza

Presso il Dipartimento della Funzione Pubblica verrà istituito il Nucleo delle azioni concrete di miglioramento dell’efficienza amministrativa che avrà il compito di rilevare (anche tramite sopralluoghi) lo stato di attuazione delle disposizioni in materia di organizzazione e funzionamento delle varie amministrazioni pubbliche. E, se necessario, individuare azioni correttive.

Ma il Nucleo Concretezza sarà diverso dall’attuale Ispettorato, perché avrà più un ruolo di supporto che di ispezione.

Il piano triennale dell’efficienza

Per individuare la corretta applicazione delle disposizioni sul funzionamento e l’organizzazione nelle PA, dovrà essere redatto un piano triennale da parte di queste che conterrà azioni concrete con tempi di realizzazione.

La black list

Chi non porterà a segno gli obiettivi e le azioni concrete finirà nella lista nera con responsabilità dirigenziale e disciplinare nei confronti dei dirigenti e iscrizione in una black list.

Il ddl concretezza e le misure contro l’assenteismo

Per contrastare l’odioso fenomeno dell’assenteismo dei dipendenti pubblici, il ddl concretezza prevede l’utilizzo di sistemi di identificazione biometrica come le impronte digitali o la video sorveglianza. Questo per verificare che i dipendenti pubblici siano effettivamente al lavoro negli orari di lavoro.

Una misura che probabilmente non riguarderà i docenti, già “controllati” tramite la firma nel registro di classe.

Il ddl concretezza e le nuove assunzioni

Assicurare un ricambio generazionale nella pubblica amministrazione. Con questo scopo il ddl concretezza prevede la possibilità di assumere personale a tempo indeterminato nella misura pari al 100% del personale andato in pensione l’anno precedente.

Avranno la priorità figure professionali con competenze in materia di digitalizzazione, razionalizzazione e semplificazione dei processi amministrativi.

Esperti in:

  • qualità dei servizi pubblici
  • gestione dei fondi strutturali e della capacità di investimento
  • contrattualistica pubblica
  • controllo e gestione e attività ispettiva.

Per il triennio 2019-2021 si procederà tramite scorrimento delle graduatorie e tramite procedure concorsuali che verranno indette in deroga alla normativa vigente in materia di mobilità del personale e senza la necessaria autorizzazione. Con procedure celeri e semplificate.

Sostituzione dei buoni pasto

Il Ddl concretezza prevede infine la sostituzione dei buoni pasto attualmente erogati in base alla convenzione BP7 e BPE1 stipulata con Consip. Per rimediare ai gravi disservizi verificatisi nell’utilizzazione dei buoni pasto della convenzione già citata – si legge nella relazione al Ddl – si prevede che le Pa possano richiedere la restituzione dei buoni pasto distribuiti al personale e non utilizzati, procedendo alla sostituzione.

Viene inoltre prevista l’applicazione delle disposizioni del Ddl concretezza anche per le Regioni a Statuto Speciale e le Province Autonome di Trento e di Bolzano, compatibilmente con i rispettivi statuti.

NOTIZIE CORRELATE

News

San Gennaro, Di Maio e la Champions: le ironie del web

20 Set 2018

Bentornati a tutti quei lettori che si sono persi nei meandri del web e, per loro sfortuna, si sono ritrovati catapultati su questa pagina. Ci scusiamo con tutti, ma poteva andarvi peggio: vi si poteva bruciare il sugo, ad esempio.

News

Pensioni d’oro e soluzioni ad effetto

di Paola Alunni, 19 Set 2018

Tagliare le pensioni d’oro, Con questo diktat il Movimento 5 Stelle ha presentato una proposta che inizierà il suo iter in commissione Lavoro della Camera già la prossima settimana. Verranno ricalcolate le pensioni d’oro, ossia gli assegni di importo complessivo

News

Boeri, i vitalizi e la soluzione più semplice

di Paola Alunni, 19 Set 2018

Vitalizi dei Parlamentari, seconda puntata. Oggi il presidente dell’Inps Tito Boeri nella sua audizione al Consiglio di Presidenza del Senato ha presentato la relazione in merito ai vitalizi dei Parlamentari alla presenza di Elisabetta Alberti Casellati. Tra le altre cose