News

Casa green: gli italiani la vogliono conviviale e sostenibile

di Manuela Michelini, 8 Lug 2020

Gli italiani hanno cambiato le loro abitudini ma soprattutto a subire una netta variazione sono le esigenze e il modo di vivere la casa. I nostri connazionali hanno spostato l’attenzione verso una casa green, conviviale ma soprattutto sostenibile delle mura domestiche.

Fra le novità consideriamo la crescita del tempo dedicato alla cucina e alla cura delle piante, come dimostrano i numeri. È infatti addirittura il 39% dei nostri connazionali a dedicare più tempo al giardinaggio, mentre il 27% si sporca le mani con la terra, optando per la realizzazione di un orto, sceglie le sementi e le piantine, prepara adeguatamente il terreno e lo irrora con costanza togliendo le erbacce.

Il lockdown ha confermato quanto fosse importante poter disporre di uno spazio aperto e verde a supporto della casa. Se balconi, terrazzi e giardini hanno rappresentato una valvola di sfogo in tempo di Covid19, oggi diventano un’area fondamentale da viversi in chiave green.

Secondo i dati resi noti da GfK Sinottica la maggior parte degli italiani dispone di uno spazio esterno “casalingo”: il 74% ha almeno un balcone e quasi uno su due, ovvero il 47%, ha un terrazzo. Risulta ancora più fortunato il 42% della popolazione, che davanti a casa ha un giardino.

Un rapporto sempre più stretto con il verde: il 27% degli italiani possiede un orto

Gli spazi all’aperto consentono agli italiani di stringere un rapporto sempre più stretto con il verde. In base ai dati GfK Sinottica il 39% degli italiani dedica tempo al giardinaggio. Non più solo fiori e piante da interni, infatti oggi gli italiani si cimentano con la coltivazione di un vero e proprio orto e a possederlo è addirittura il 27%, ovvero un quarto della popolazione.

Il poter disporre di uno spazio verde caratterizza già ora i trend di acquisto della casa, così come avere a disposizione ambienti più vivibili e spazi maggiormente conviviali.

«Assieme allo smart working, la maggiore richiesta di spazi “green” (possibilmente all’aperto) sarà sicuramente uno dei trend che influenzerà la nuova concezione di casa nei prossimi anni: non più luogo da frequentare pienamente solo nei fine settimana, ma spazi ed ambienti disegnati per rispondere alle esigenze dei suoi abitanti durante tutto l’arco della giornata».

Rispetto alla casa gli italiani hanno aspettative ben precise e ammettono di prediligere un ambiente armonioso, comodo e confortevole, adeguato anche per coltivare le relazioni interpersonali.

Il 58% degli italiani desidera una casa con oggetti e arredi che siano in grado di rappresentare ad arte la personalità. La casa è sempre più spesso il luogo dove incontrare gli amici, dedicarsi alla cucina e alla buona tavola.

Parliamo di un’ambizione particolarmente forte fra i Millennial e i componenti della Generazione X. È infatti il 29% a dichiarare di aver piacere nell’invitare gli amici a mangiare a casa propria. Si tratta di un’abitudine consolidata soprattutto fra i Millennial. Ed è addirittura il 55% ad apprezzare il buon cibo, scegliendo di mettere le mani in pasta e cucinare da sé. I dati confermano che questo trend è in crescita del 5% rispetto ai dati del 2012.

NOTIZIE CORRELATE

News

Olio di CBD: come utilizzarlo per il benessere del nostro organismo

20 Gen 2021

Sempre più spesso si sente parlare di CBD e di prodotti a base di questo composto, grazie alla grande diffusione che hanno avuto negli ultimi anni. Per questo motivo anche le persone che si domandano come mai il CBD sia

News

Tenersi in forma con l’home fitness anche in tempi di lockdown

15 Gen 2021

Il Covid19 può lasciare un segno indelebile nel corpo e nella mente di chi ne ha subito la portata. La pandemia coinvolge inevitabilmente anche chi non si è ammalato in prima persona, ma deve fare i conti e sopportare le

News

Dalla micromobilità al noleggio sostenibile, il trasporto sarà green?

8 Gen 2021

La qualità della vita dipende, inevitabilmente, dalla qualità dell’aria che respiriamo: la pandemia ha contribuito ad acuire questa consapevolezza che, ormai, non riguarda solo i cosiddetti ecologisti, ma è di comune dominio. Congestione del traffico e inquinamento – nelle grandi