Italia in Parlamento

M5s: la strategia di Grillo tra fake news e violenza

di Luca Soldini, 17 Giu 2017
Beppe Grillo il “barricadero”, l’hanno chiamato, quando il leader del Movimento 5 Stelle, durante un comizio ad Asti, ha tuonato dal palco che “la violenza è un diritto”.
L’obiezione, quasi automatica, ad affermazioni del genere è, solitamente, “dipende dal contesto”, come se contestualizzare in altro modo una frase del genere la rendesse meno grave. Grillo non è più un comico, ma il leader politico di uno dei maggiori partiti italiani, ed è ora che si assuma la responsabilità delle proprie affermazioni.

Fake news, commenti volgari e richiamo alla violenza

Le conseguenze di questo continuo riferimento alla violenza sono lampanti, soprattutto sui social. Ogni volta che una notizia sfavorevole – quantomeno non nettamente a favore – del Movimento 5 Stelle acquista un certo grado di visibilità il copione è sempre lo stesso: insulti, commenti sferzanti e volgari, fake news.
È la politica dell’asticella più alta, la politica del tiro alla fune, che prima o poi si spezza. Il risultato delle elezioni amministrative di ieri sera conferma un dato importante: le urla e gli insulti, a tratti, si infrangono sulla totale inesistenza di classe dirigente. Ma trarre conclusioni generali dalle amministrative è, come noto, un errore banale. Il dato nazionale è ancora chiaro, e ci mostra un M5S solidamente affermato, e una strategia comunicativa aggressiva e distruttiva.

La violenza non è un diritto

La violenza non è un diritto, ma una pratica odiosa, e chi ritiene di poter lucrare sulla disperazione delle persone, nascondendosi dietro il folklore, è subdolo due volte. Sarebbe ora, inoltre, che i commentatori politici e buona parte degli intellettuali dei salotti tv smettessero, davanti a queste evidenze, di nascondere la testa sotto terra e, nei casi peggiori, di avallare dichiarazioni di questo genere. Non cediamo alla violenza, non cadiamo nel baratro della volgarità e dell’insulto, perché fare politica significa costruire un’idea, non distruggere persone.

NOTIZIE CORRELATE

Italia in Parlamento

Taglio dei Parlamentari: cosa succede adesso?

16 Ott 2019

Con una maggioranza bulgara, la Camera dei Deputati martedì 8 ottobre ha approvato in via definitiva il disegno di legge costituzionale che prevede il taglio dei parlamentari. Si tratta di una riduzione lineare che alla Camera ridurrebbe i deputati dagli

Italia in Parlamento

Fine del governo Conte I

20 Ago 2019

Il governo Conte I finisce qui e con lui lo schieramento giallo-verde. Con le comunicazioni di Conte al Senato oggi è stata sancita la fine del governo del cambiamento e del contratto stilato 14 mesi fa tra Lega e Movimento

Italia in Parlamento

Crisi di governo, elezioni anticipate o esecutivo tecnico

13 Ago 2019

Doppio salto mortale con avvitamento a destra e a sinistra. Oggi il Senato ha deciso le tappe della crisi di governo: il 20 agosto il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, si presenterà in aula a Palazzo Madama e farà le