News

Caporalato, una legge di dignità

di Emiliano Liberati, 20 Giu 2017

Gli arresti avvenuti ieri a Brindisi, dove quattro persone sono state accusate di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro in particolare di manodopera femminile nella raccolta delle ciliegie e dell’uva, confermano che la legge sul caporalato approvata durante il governo Renzi e fortemente voluta del ministro delle Politiche Agricole Maurizio Martina, ha segnato un punto di svolta.

La strada naturalmente è ancora lunga, ma l’esistenza di uno strumento normativo che agevola il contrasto al lavoro illegale in un settore nevralgico come quello agricolo, è la riprova che se si vuole si può.

Una rete di imprese, istituzioni e cittadini

Ovviamente non basta un provvedimento per colmare i vuoti ancora esistenti. Serve una rete che collabori e cresca costantemente, composta da imprese, istituzioni, cittadini, territori ed organizzazioni sociali.

In un tessuto fatto di relazioni e di sentimenti, a conferma che solo attraverso una sensibilità diffusa si potrà porre un freno – sino alla sua estinzione – a quello che è un problema anche culturale.

Negli approcci all’occupazione e nella dignità da riconoscere al lavoro e al lavoratore comunque e sempre. Senza allentare nella funzione di vigilanza che rappresenta il primo passo verso un traguardo più compiuto che in primo luogo è un traguardo di civiltà.

Lo sfruttamento di donne e uomini

Il plauso che accolse la legge – confermato anche durante il Lingotto dello scorso marzo da Ivana Galli segretaria nazionale della FLAI – CGIL – è la sintesi di un’esigenza a cui è stata data una risposta. Con il pensiero ai troppi che hanno rischiato e rischiano la propria esistenza, in territori dove tutto è drammaticamente complicato da un concetto di vita spesso con più eccezioni che regole.

Dunque avanti su questa strada, consapevoli che saranno ancora tanti i casi da affrontare. Ma con qualche certezza in più che rafforza e difende il coraggio di chi denuncia lo sfruttamento di donne e di uomini, attraverso una norma che è a garanzia di chi fa impresa con coscienza e legalità.

Due requisiti alla base della convivenza democratica, in cui riconoscere l’altro significa riconoscere se stessi. Insieme alle istituzioni e, anzitutto, alle persone da non lasciare sole. E quanto accaduto a Brindisi va nella direzione auspicata da sempre. Questa volta con la concretezza dei risultati, un incoraggiamento ad insistere sulla coscienza del rispetto umano e delle regole.

Cambiare si può.

 

NOTIZIE CORRELATE

News

Cos’è BAT crypto, come funziona e come usare il browser Brave

9 Mag 2022

Basic Attention Token (BAT) è la crypto ufficiale di Brave, un browser open-source progettato appositamente per massimizzare la tutela della privacy degli utenti. Brave, basato sul progetto Chromium, sta diventando sempre più popolare tra gli utenti e tra gli inserzionisti

News

Cofanetti di attività per divertirsi durante le vacanze

21 Apr 2022

La parola vacanza non significa solo relax infinito sdraiato sulla sabbia a prendere il sole: se si guardano le nuove tendenze, si noterà facilmente che sempre più persone sono alla ricerca di esperienze adrenaliniche, che vogliono passare parte del loro

News

Una gita a Napoli: cosa fare durante un viaggio nella città del Sole

18 Feb 2022

Una terra ricca di sapori e vitalità: è la bella Napoli, che ospita i suoi abitanti ma anche molti turisti per soggiorni di varia lunghezza. Trascorrete giornate tra le tradizioni e la cultura partenopea che vi catturerà tra i vicoli