Italia in Parlamento

Ballottaggi: l’anomalia di Parma

di Redazione, 16 Giu 2017

Quella di Parma è un’anomalia: con Pizzarotti fuoriuscito dal M5s che si prende la sua rivincita con la lista Effetto Parma e si attesta al 34,78 per cento; e con il candidato ufficiale dei 5 Stelle, Daniele Ghirarduzzi che resta fermo al 3 per cento. Intanto il 25 giugno Pizzarotti se la dovrà vedere al ballottaggio con Paolo Scarpa, candidato del centrosinistra con il suo 32,73.

Sarà decisiva, a questo punto, anche la percentuale di parmigiani che andranno al voto al secondo turno, visto l’astensione record del primo: ha votato solo il 53,62 per cento, meno 11 punti.

Tuttavia nel frattempo Pizzarotti incassa l’appoggio di Giorgia Meloni: “Tra la sinistra Pd e Pizzarotti non ho dubbi: voterei sempre contro la sinistra e ai miei elettori di Parma direi di sostenere Pizzarotti”. Stessa indicazione da Forza Italia.

La vittoria di Pizzarotti nel 2012

Difficilmente si replicherà ciò che avvenne nel 2012 quando Pizzarotti prese solo il 19 per cento, contro il 39 del pd Vincenzo Bernazzoli e al ballottaggio triplicò i voti. Questa volta il margine  che divide il sindaco uscente e il suo sfidante è risicato: poco più di 1.500 voti. Ma di solito un sindaco uscente conquista buona parte dei consensi al primo turno: è difficile che riesca ad aumentarli di molto al ballottaggio.

Nel frattempo i due si sono sfidati in un dibattito pubblico confrontandosi su sicurezza e degrado, commercio, turismo con il primo cittadino uscente che ha puntato sul lavoro svolto nei cinque anni di Amministrazione.

Entrambi si ritroveranno giovedì prossimo in piazza Garibaldi per un altro dibattito pubblico serale a tre giorni dal voto.

NOTIZIE CORRELATE

Italia in Parlamento

Taglio dei Parlamentari: cosa succede adesso?

16 Ott 2019

Con una maggioranza bulgara, la Camera dei Deputati martedì 8 ottobre ha approvato in via definitiva il disegno di legge costituzionale che prevede il taglio dei parlamentari. Si tratta di una riduzione lineare che alla Camera ridurrebbe i deputati dagli

Italia in Parlamento

Fine del governo Conte I

20 Ago 2019

Il governo Conte I finisce qui e con lui lo schieramento giallo-verde. Con le comunicazioni di Conte al Senato oggi è stata sancita la fine del governo del cambiamento e del contratto stilato 14 mesi fa tra Lega e Movimento

Italia in Parlamento

Crisi di governo, elezioni anticipate o esecutivo tecnico

13 Ago 2019

Doppio salto mortale con avvitamento a destra e a sinistra. Oggi il Senato ha deciso le tappe della crisi di governo: il 20 agosto il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, si presenterà in aula a Palazzo Madama e farà le