Cronache Grilline

A Bagheria spunta la società pubblica a 5 stelle (ma non le volevano eliminare?)

di Laura Landolfi, 15 Mag 2017

Una società pubblica che si dovrà occupare di una serie di servizi, dai rifiuti alla manutenzione delle strade, ovvero tutto ciò di cui che dovrebbe essere gestito dal Comune, con in più la dirigenza nominata senza alcun bando di selezione ad evidenza pubblica. A crearla sono loro, i fautori della trasparenza a tutti i costi.

Società pubblica e nomine dirette

Infatti l’amministrazione 5 stelle di Bagheria guidata da Patrizio Cinque ha deciso di creare una società pubblica che si dovrà occupare di una serie di servizi nominando direttamente i vertici. E lo fa nel contesto di un Comune dove l’ultimo bilancio approvato è quello del 2013 e 2014.

Uno spreco economico

Il segretario provinciale Pd, Carmelo Miceli, denuncia: “Centotrentanovemila euro per la sola costituzione della società. Centoventimila euro di retribuzione al direttore generale – dice Miceli –  e il cda, che costerà ogni anno circa ventinovemila euro, sarà composto da attivisti, militanti e persone vicine al Movimento 5 Stelle”.

Non erano loro quelli della trasparenza, dei curriculum pubblici, del ‘rimettiamo mano alle partecipate’ (detto pochi giorni da a Di Martedì)?

E sì perché proprio loro si sono a lungo accaniti contro le partecipate “alla prima Repubblica” come peraltro scrisseda Luigi Di Maio che sulla sua pagina facebook nel luglio del 2016 quando tuonava contro le società pubbliche “Il governo sbandiera un taglio delle società partecipate dello Stato e degli enti locali che però si farà solo a chiacchiere” Quando si dice  fare le pulci agli altri

NOTIZIE CORRELATE

Cronache Grilline

Il piano di Raggi per le periferie? Zero soluzioni, restano solo i problemi

di Laura Landolfi, 12 Lug 2017

Rifiuti, roghi tossici, accampamenti di fortuna, “desertificazione commerciale”. Delle tante promesse fatte dalla giunta Raggi sulle periferie, dove i voti sono stati tanti, ben poco è rimasto se non una montagna di problemi. Tanto che ieri il clima in Commissione parlamentare

Cronache Grilline

Virginia Raggi rischia il rinvio a giudizio

di Redazione, 20 Giu 2017

La sindaca di Roma, Virginia Raggi, rischia il rinvio a giudizio per le accuse di falso e abuso d’ufficio. La procura di Roma ha chiuso le indagini, atto che di norma precede la richiesta di processo, per il cosiddetto ‘pacchetto

Cronache Grilline

Fiumi e inquinamento: scompare l’Ufficio speciale annunciato dalla Raggi

di Laura Landolfi, 19 Giu 2017

Oltre ai topi, la mondezza, i gabbiani e chi più ne ha più ne metta, c’è un ulteriore elemento che si aggiunge al degrado della capitale: i suoi fiumi. A denunciare la situazione è stata Legambiente Lazio: Tevere e Aniene