Rassegna Social

L’approvazione della manovra del Popolo, la Serie A, la dieta natalizia

di Fabio Tilocca, 31 Dic 2018

Eccoci con l’ultima rassegna social di questo 2018: l’anno sta finendo e, finalmente, la manovra del popolo è stata approvata. Non da tutti, però.

 

Il lancio della manovra da parte di Fiano ricorda, almeno nel linguaggio del corpo, un altro storico gesto di reazione.

 

Dopo le varie dichiarazioni di Salvini, esultanze di Di Maio, gaffe di Toninelli, con un gran rush finale si aggiudica il titolo di “Campione italiano di Figuracce” la sorprendente Laura Castelli.

 

Peccato, perché Toninelli è stato in testa per quasi tutto l’anno con le sue prodezze sull’utilizzo Tunnel del Brennero o sul Ponte Morandi come luogo dove mangiare. La delusione è forte ma speriamo che il Ministro dei Trasporti non ceda allo sconforto.

 

Conte ha provato a recuperare negli ultimi giorni con una citazione di Molière, ma la figura del nostro premiere è rimasta un po’ schiacciata per tutto l’anno dall’ingombrante presenza del suo portavoce Rocco Casalino.

 

L’anno finisce, ma il Campionato di Serie A non va in vacanza neanche in questo periodo. La Juventus vince contro la Sampdoria con un rigore (poi trasformato da Cristiano Ronaldo) piuttosto dubbio per un fallo di mano, nonostante la stessa fosse attaccata al corpo.

 

Non molto distante da Torino, il Milan batte la SPAL in rimonta anche grazie al ritorno al gol di Higuain. Il Pipita è addirittura scoppiato in lacrime.

 

Il Chievo batte il Frosinone! Vi sembra una notizia da poco?

 

Dopo i cori razzisti a San Siro nei confronti di Koulibaly del precedente turno di Campionato, in questa giornata – sul web e sui campi – molti hanno utilizzato lo slogan Siamo tutti Koulibaly.

 

Siamo tutti in piene feste natalizie e, si sa, il problema principale in questo periodo è il girovita!

 

Per fortuna qualcuno non ingrassa solo nei punti critici, ma in modo più uniforme su tutto il corpo.

 

Noi tutti mangiamo tanto in questo periodo, ma alcuni oppositori di Salvini avevano pensato di boicottare i prodotti che il Ministro dell’Interno continuamente mostra nei suoi post, un po’ per fare una dubbia opposizione politica e un po’ per fare una sana dieta!

 

Non c’entra molto col resto, ma molti di voi sapranno che Netflix ha lanciato una puntata interattiva, dal titolo Bandersnatch, della celebre serie Black Mirror, in cui gli spettatori possono decidere come far sviluppare la storia. Qualcuno ha cercato di immaginare lo stesso meccanismo per un classico del cinema italiano. Guardate pure la foto. Leggete la didascalia. Fatto? E se anche non doveste essere proprio sicuri del vostro inglese, le parole “piuma” e “ferro” (da pronunciare rigorosamente con una sola “r”) dovrebbero dirvi qualcosa.

 

Direi che è giunto il momento di augurarci buona fine, di questa rassegna social 2018, e sperare in un buon inizio nel 2019! Ci vediamo l’anno prossimo, o dopodomani.

NOTIZIE CORRELATE

Rassegna Social

Gabbiani contro Salvini, il tabaccaio di Ivrea e l’allenatore della Juve: ironia social

14 Giu 2019

Bentornati alla prima rassegna social che ama davvero gli animali. In particolare i gabbiani.   Qualcuno ha cercato delle analogie nel parallelo Salvini gabbiani.   Sul web se non sei sempre al passo con le notizie rischi di rimanere indietro.

Rassegna Social

Salvini diserta la riunione sui migranti, la Digos e gli striscioni, i Mondiali femminili: l’ironia web

10 Giu 2019

Bentornati alla nostra nuova sfavillante, lussureggiante, tamburellante rassegna social. In Lussemburgo si è svolta un’importante riunione di tutti i Ministri dell’Interno europei. Tutti?   Salvini purtroppo, nonostante ritenga prioritario l’argomento immigrazione, non è riuscito proprio a liberarsi dai suoi importanti

Rassegna Social

Figli di Salvini, Di Maio e la Whirlpool, il discorso di Conte: ironia web

di Fabio Tilocca, 7 Giu 2019

La nostra rassegna social di oggi si apre con l’interrogativo di sempre: cosa avrà dichiarato stavolta Salvini?   Il Ministro dell’Interno avrebbe 60 milioni di figli. Forse troppi, ma proviamo a contarci!   Le affermazioni di Matteo Salvini hanno creato