Italia in cammino

Amarone della Valpolicella: origini e storia

16 Set 2020

L’Italia, per mille motivi, è uno dei Paesi più famosi al mondo nell’ambito della presenza di vitigni e, di conseguenza, nella produzione di uve e di vini. Sicuramente la nostra Nazione è influenzata positivamente dalla propria posizione geografica, in particolare rispetto alla sua latitudine e alla presenza intorno ad essa del Mar Mediterraneo che agisce in modo determinante per rendere il nostro clima temperato. Oltre a ciò, anche la morfologia del nostro territorio ha un ruolo importante, essendo prettamente collinare, elemento che favorisce l’esposizione al Sole e quindi la possibilità per l’uva di maturare nel modo più giusto.

 

I vini veneti

All’interno del territorio italiano, poi, possiamo distinguere una enorme varietà di tipologie di uva e di coltivazioni, in gran parte legate alle diverse realtà regionali e locali che generano una estremamente diversificata proposta di vini.

Oggi vi parleremo della produzione veneta e, nello specifico, della zona della Valpolicella: una volta nominata quest’area, siamo sicuri che la quasi totalità di voi abbia immediatamente pensato ad un vino specifico, l’Amarone. In questo articolo parleremo proprio dell’Amarone della Valpolicella e in particolare di quello prodotto da Accordini Igino.

accordini igino

L’amarone della Valpolicella

Il Veneto, come abbiamo anticipato, è una terra ricca di vigneti e di tantissime tipologie di uve e di vini. Fra questi, sicuramente uno di quelli che maggiormente si è imposto all’attenzione sia degli esperti che dei bevitori occasionali è l’Amarone della Valpolicella DOCG. Si tratta di un vino nato nel 1938 nell’azienda Bertani. Da un punto di vista commerciale, l’esplosione di questo vino si è avuta a partire dal 1994: da quel momento in poi, ogni anno la crescita di questo prodotto è stata esponenziale, passando in poco più di venti anni da un milione a tredici milioni di bottiglie vendute.

 

Origini del nome

Il nome Amarone, come facilmente intuibile, deriva dalla parola amaro in una versione amplificata: nasce per poterlo distinguere dal Recioto della Valpolicella, un vino rosso dolce da cui ebbe origine in seguito ad una distrazione nel processo di produzione.

Il Recioto, infatti, viene realizzato nella stessa zona e con le stesse uve dell’Amarone ma, a differenza di quest’ultimo, è un passito dolce: il cantiniere Bertani, per errore, lo lasciò fermentare per un periodo di tempo superiore trasformandolo in un vino secco.

Una volta assaggiato, ci si rese conto che quel vino non era più un Recioto e, come esclamato dallo stesso cantiniere, era diventato un “Amarone”.

 

Le caratteristiche dell’Amarone

L’amarone della Valpolicella è un vino rosso le cui uve vengono appassite su stuoie per un periodo che può essere anche di quattro mesi: questa procedura amplifica gli zuccheri, i profumi ed i sapori. Si tratta di un vino alcolico dal fascino unico, molto strutturato ed intenso, sia nel sapore che nel colore rubino: tale colore negli anni va evolvendo verso il granato. Per quanto riguarda i sentori, si va da quelli dei frutti di bosco e della frutta nera a quello dei fiori secchi, passando per l’anice, le liquirizie e le amarene, con un finale speziato a base di noci e nocciole.

NOTIZIE CORRELATE

Italia in cammino

Protezione solare: perché usarla sempre

30 Nov 2020

I raggi UV, UVB e UVA del sole sono nocivi per la pelle, tale assioma è così ben noto che nessuno farebbe l’azzardo di stendersi sul bagnasciuga il primo giorno di tintarella senza prima aver applicato un abbondante strato di

Italia in cammino

Fra bonus e misure per l’economia il Cdm vara il Decreto Rilancio

14 Mag 2020

Contiene aiuti per 55 miliardi destinati a sostenere famiglie ed imprese, il nuovo decreto Rilancio approvato dal Consiglio dei Ministri per far ripartire il nostro Paese. Nell’illustrare la misura il premier Giuseppe Conte ha sottolineato che si tratta di una

Italia in cammino

Decreto Scuola: tutte le norme per affrontare la chiusura dell’anno scolastico

di Manuela Michelini, 8 Apr 2020

Il Consiglio dei ministri ha licenziato lunedì 6 aprile il decreto-legge che norma la chiusura dell’anno scolastico, con provvedimenti che considerano le difficoltà perpetrate dall’emergenza Covid-19. Il decreto contiene le direttive relative agli Esami di Stato e alla valutazione delle