Mondo

Theresa May e l’eccezione alla durata del Parlamento

di Stefano Ceccanti, 19 Apr 2017

Era il 2010 e il leader liberale Clegg chiese al conservatore Cameron una garanzia per stipulare il patto di coalizione: delimitare il potere di scioglimento del Premier per evitare che a un certo punto della legislatura, crescendo nei sondaggi, l’alleato maggiore non avesse la tentazione di scaricarlo andando a prendere da solo una maggioranza assoluta.

L’accordo si fece, la legge passò nel 2011 e si chiamò legge sulla durata fissa del Parlamento (Fixed Term Parliament Act). Moltissimi parlarono di rivoluzione, di un fatto storico che avrebbe vincolato in modo rigido i Governi del futuro, eppure c’erano dentro la legge due vie di fuga, (all’articolo 2): due importanti eccezioni alla durata fissa dei mandati: un autoscioglimento che si può decidere a due terzi della Camera oppure una crisi di Governo; una sfiducia parlamentare non seguita entro quattordici giorni dalla fiducia a un nuovo Governo.

La legge inglese e quella tedesca

Ora in nessun sistema parlamentare se c’è una maggioranza che resta tale e vuole andare alle urne, anche e soprattutto quando gli avversari hanno sbagliato il leader su cui puntare, ci possono essere dei limiti tali da bloccarla, anche laddove lo scioglimento anticipato sia regolato in modo abbastanza rigido, a meno di non escluderlo del tutto. Già alcuni commentarono quella legge ricordando i precedenti tedeschi, dove l’articolo 68 della Legge Fondamentale consente solo la seconda eccezione inglese.

L’autogoal di Brandt

Bene, in quel caso sin dal 1972 con Brandt (ma poi anche Kohl e Schroeder) i Cancellieri hanno perso apposta sulla fiducia (un autogoal organizzato facendo mancare alcuni esponenti della maggioranza) per poter andare al voto anticipato.

Per la cronaca Brandt e Kohl vinsero, Schroeder perse di poco dopo una rimonta spettacolare: nessuno di loro però aveva avuto la fortuna di avere come rivale Jeremy Corbin.

In questo caso sembra che alla May basti la prima eccezione perché di fronte all’invito a dare la parola al popolo Corbyn non se l’è sentita di dire no. “Lo sventurato rispose”, potremmo dire manzonianamente.

NOTIZIE CORRELATE

Mondo

La ritorsione di Putin: espulsi 755 diplomatici Usa

di Anna Zafesova, 31 Lug 2017

L’espulsione di 755 diplomatici e membri del personale dell’ambasciata americana a Mosca – un numero senza precedenti perfino per i parametri della guerra fredda – segna la fine di ogni speranza residua del Cremlino in una svolta nelle relazioni con

Mondo

Uk, May firma accordo salato con nord irlandesi

di Alessandro Maran, 28 Giu 2017

Il primo ministro inglese Theresa May ha indetto le elezioni anticipate con l’obiettivo di consolidare la sua presa sul Parlamento in vista dei negoziati per la Brexit. Le cose però non sono andate come aveva sperato e il suo partito

Mondo

Bruxelles: poteva essere una strage

di Redazione, 21 Giu 2017

Aveva 36 anni ed era di nazionalità marocchina l’attentatore che ieri sera  è stato protagonista di un’esplosione alla Gare Centrale che ha fatto saltare ai piedi di una scalinata interna. L’uomo – che viene da Molenbeek il quartiere ad alta densità