Italia in cammino

Il nazionalismo sportivo degli italiani

di Andrea Riscassi, 26 Giu 2017

E dunque gli azzurrini non erano quei bambocci viziati di cui si era parlato dopo la sconfitta contro la Repubblica Ceca. Battere la Germania è stata sicuramente un’impresa. Non scontata. Frutto di un gioco di squadra che è sicuramente la cosa più difficile da creare in un team che lavora insieme solo da pochi giorni.

Gli italiani, si sa, sono fatti così: danno il meglio di sé quando sono con l’acqua alla gola. Come nella partita di Cracovia contro i rivali di sempre, i tedeschi. Contro cui ha tifato tutto il pubblico polacco. Ora gli azzurrini se la vedranno in semifinale contro i favoriti della Spagna. Speriamo che lo stellone rimanga ancora acceso.

Il tormentone mediatico

Sempre a proposito di azzurrini, Donnarumma continua a far parlare di sé. Il Milan le sta provando tutte per non perderlo (come giocatore e come patrimonio) ma per ora senza successo.

Gigio, sempre sorridente, ha ribadito la sua fedeltà a Raiola. Il che significa l’ennesima porta chiusa verso i rossoneri. Del resto il tutto ora sembra un tormentone mediatico per far vendere i giornali sportivi, anche a campionato finito. L’impressione è che Raiola – di cui oggi ho conosciuto il non simpaticissimo cugino – non si fidi del nuovo Milan cinese e dei suoi emissari italiani (Mirabelli in primis). La guerra di posizione è comunque destinata a proseguire.

Le voci di mercato sono peraltro un vero gioco sociale. Per lo più girano balle che a volte fanno salire il prezzo dei giocatori e le provvigioni dei procuratori. D’estate sono però uno degli elementi di chiacchiera da bar. Una specialità tutta italiana. Come quello di cantare l’inno di Mameli solo prima delle partite (e dopo, a squarciagola, se vinciamo). Siamo dei nazionalisti sportivi. Ma forse, alla fine, è quasi meglio così.

Ad maiora

NOTIZIE CORRELATE

Italia in cammino

Lavoro autonomo: la riforma che coniuga flessibilità e sicurezza sociale

28 Feb 2018

Per la prima volta una forma di welfare per quei 2 milioni di cittadini che hanno una partita IVA: con la legge 81 del 2017 per la prima volta sono state riconosciute importanti tutele al lavoro autonomo, dalle indennità per

Italia in cammino

La riforma della cooperazione internazionale per lo sviluppo: ecco le novità

di Redazione, 26 Feb 2018

È una delle proposte rilanciate da tutte le forze politiche per risolvere l’emergenza immigrazione. Ma il governo italiano si è già impegnato sul fronte della cooperazione internazionale, con risorse di fatto raddoppiate rispetto al 2012, che hanno permesso di rafforzare

Italia in cammino

Prevenzione, trasparenza, pene esemplari: ecco le misure anti-corruzione

18 Feb 2018

La corruzione è una piaga per il nostro Paese e per le tante persone oneste che vengono danneggiate dai comportamenti scorretti di funzionari pubblici e operatori privati. Ma il danno per l’Italia non è solo d’immagine ma anche economico: c’è