News

Magliette gialle: la politica dei fatti concreti

di Matteo Orfini, 14 Mag 2017

Oggi le magliette gialle puliranno Roma. Lo faranno perché amano la loro città e non sopportano di vederla annegare nell’incuria e nel degrado. Lo faranno perché la politica non è solo fatta di proposte e progetti, ma anche di gesti concreti. Lo faranno come lo fanno da mesi, in silenzio, quartiere per quartiere.

Come abbiamo ricostruito il Pd a Roma

Il Pd a Roma in questi mesi lo abbiamo ricostruito anche così, con umiltà. Sapendo che per riconquistare rispetto e fiducia era non solo giusto, ma necessario dare concretamente una mano a risolvere i problemi. Con buona pace di quelli che storcevano il naso perché “benaltro è il compito di un partito“.
È anche grazie al lavoro di questi mesi che oggi saremo più di mille volontari, molti non iscritti al Pd, forse nemmeno elettori del Pd. Cittadini normali che hanno colto lo spirito del lavoro di questi mesi e della giornata di oggi. A differenza di chi, come al solito, ha sfogato sulle magliette gialle la propria rabbia e la propria frustrazione.
Prima ci hanno accusato di aver sporcato la città per poi poterla ripulire.
Poi hanno detto che il nostro è solo uno spot elettorale (peccato che non ci siano elezioni alle porte).

Rimbocchiamoci le maniche

E per finire, con la consueta eleganza e l’immancabile rispetto per gli avversari politici, hanno definito i nostri volontari dei “rifiuti”.
Questa è la classe dirigente (si fa per dire) che oggi amministra (si fa per dire) Roma. Alle loro offese rispondiamo rimboccandoci le maniche.
E non ci fermeremo con la fine di questa bellissima giornata: il lavoro delle magliette gialle continuerà infatti nelle prossime settimane, come tanti cittadini ci chiedono.
Al Sindaco di Roma diamo solo un suggerimento, senza polemica: quando si ha l’onore di rappresentare la città, si deve cercare di rappresentarla tutta, al di là delle appartenenze politiche. Se così tanti romani sacrificano la loro domenica per aiutare la città, un buon sindaco non li insulta. Li ringrazia.

NOTIZIE CORRELATE

News

Dopo il voto si chiede il conto: al Sud le file per il reddito di cittadinanza

8 Mar 2018

La proposta politica identitaria più forte dei pentastellati, il reddito di cittadinanza, è stato un perno fondamentale per la netta affermazione che il Movimento ha avuto nel Mezzogiorno, dove la crisi economica si fa ancora sentire e i molti che

News

#senzadime: gli elettori del PD contro l’alleanza con i grillini

7 Mar 2018

Ormai da oltre un giorno al vertice della classifica dei trend topic di Twitter l’hashtag #senzadime, con cui molti elettori del Partito Democratico si stanno dicendo assolutamente contrari a qualsiasi appoggio ad un governo del Movimento 5 Stelle: il rischio

News

Gender gap: per l’OCSE le donne sono da sole nella cura della famiglia

7 Mar 2018

Molte donne non condividono le quote rosa, le pari opportunità imposte per legge, la giornata dedicata alle donne: eppure nel 2018 è ancora necessario concentrarsi sulle differenze di genere, anche se sono trascorsi 70 anni da quando in Italia fu