Mondo

Francia, i ballottaggi in vista

di Stefano Ceccanti, 18 Apr 2017

Coloro che si occupano di elezioni francesi hanno un appuntamento fisso: tra le 18 e le 18.30 il cosiddetto rolling quotidiano col sito dell’Ifop: molto utile perché, al di là dei singoli dati, dà il senso delle tendenze per cercare di fare qualche previsione sensata su quattro candidati obiettivamente molto vicini e che resteranno pertanto in gara fino all’ultimo. Con un tasso di indecisione complessivo che potrebbe all’ultimo minuto, in cabina elettorale, sconvolgere anche i sondaggi fin lì più accurati.

Alcuni dati delle elezioni francesi

Possiamo concentrarci su due dati e tre dinamiche.
Un primo dato è il superamento della soglia di partecipazione del 70% al primo turno: soglia raggiunta in data 17 aprile e superata col 71% il 18 aprile. Nel 2012 si arrivò al 79.5%. Ciò significa che il campione è già altamente rappresentativo.

In genere gli elettori che decidevano per ultimi erano più moderati e questo, se fosse ancora vero, potrebbe favorire Macron e Fillon, mentre gli estremi Le Pen e Melenchon forse potrebbero essere arrivati al massimo dei consensi.
Ma intanto i già convinti lo sono veramente? Questo è il secondo dato da tenere presente.

Qui gli avvantaggiati sembrano essere Le Pen e Fillon perché il tasso di sicurezza dei loro elettori è stabilmente superiore all’80%. Tuttavia in termini di crescita relativa della sicurezza ormai anche Macron e Melenchon se la cavano piuttosto bene, più di quanto non si dica: articoli scritti alcuni giorni fa parlavano ancora di elettorati molto volatili, ma ormai i seguaci sicuri di Macron sono il 68% e quelli di Melenchon il 69%.

Un mese fa Macron era ancora sotto il 50%.

La campagna elettorale di Le Pen e gli altri candidati

Cosa sembra essersi mosso durante la campagna? Fondamentalmente tre dinamiche. Marine Le Pen è stata stabilmente in testa finché i convinti di andare a votare sono stati tra il 60 e il 65%. Del resto la Le Pen è arrivata tra il 25 e il 27% nelle elezioni con partecipazione inferiore al 50% (europee e regionali).

Una volta che la platea si ampia il suo consenso tende a ridursi. In secondo luogo è esploso Macron perché è stato indirettamente favorito dai risultati delle due primarie dove sono stati sconfitti i due candidati più centristi, Valls e Juppé, e si è aperto un varco notevole al centro.

Un vuoto di offerta politica che resta tale giacché Fillon fa campagna sulla destra cercando di convincere gli elettori a cavallo con la Le Pen.

I due ballottaggi più probabili Macron- Le Pen o Macron-Fillon

In terzo luogo è cresciuto anche Melenchon perché il candidato vincente delle primarie socialiste non è competitivo né per gli elettori di sinistra di governo (che votano Macron, visto che Hamon ha fatto la fronda per tutta la legislatura ai governi del suo partito) né per quelli di opposizione (che a quel punto preferiscono direttamente Melenchon).

Tuttavia ad Hamon resta ormai ben poco da cedere ulteriormente (il 7,5%).
Sulla base di questi dati e delle regolarità del passato, ammesso e non concesso che esse valgano ancora, i due ballottaggi più probabili al momento sembrerebbero quindi essere quello che ci è stato proposto sin da febbraio, ossia Macron-Le Pen, oppure quello Macron-Fillon.

NOTIZIE CORRELATE

Mondo

La ritorsione di Putin: espulsi 755 diplomatici Usa

di Anna Zafesova, 31 Lug 2017

L’espulsione di 755 diplomatici e membri del personale dell’ambasciata americana a Mosca – un numero senza precedenti perfino per i parametri della guerra fredda – segna la fine di ogni speranza residua del Cremlino in una svolta nelle relazioni con

Mondo

Uk, May firma accordo salato con nord irlandesi

di Alessandro Maran, 28 Giu 2017

Il primo ministro inglese Theresa May ha indetto le elezioni anticipate con l’obiettivo di consolidare la sua presa sul Parlamento in vista dei negoziati per la Brexit. Le cose però non sono andate come aveva sperato e il suo partito

Mondo

Bruxelles: poteva essere una strage

di Redazione, 21 Giu 2017

Aveva 36 anni ed era di nazionalità marocchina l’attentatore che ieri sera  è stato protagonista di un’esplosione alla Gare Centrale che ha fatto saltare ai piedi di una scalinata interna. L’uomo – che viene da Molenbeek il quartiere ad alta densità