Blog

Commentario/ Dati Istat ed elusione fiscale

di Luciano Scalia, 18 Mag 2017

Essendomi un po’ annoiato e disgustato delle notizie riguardanti Renzi e la sua famiglia in una apoteosi di menzogne,falsi,calunnie, mi sono imbattuto in questa definizione della povertà assoluta della Banca Mondiale: “La povertà estrema o povertà assoluta è la più dura condizione di povertà, nella quale non si dispone – o si dispone con grande difficoltà o intermittenza – delle primarie risorse per il sostentamento umano, come l’ acqua, il cibo, il vestiario e l’abitazione.”

La Banca mondiale considera tale la condizione di povertà di chi vive con meno di 1,25 dollari al giorno. 

Io non sono né un esperto di statistiche né un sociologo e un assoluto profano di queste materie. Ciò non mi impedisce di confrontare questa affermazione  con i dati che, annualmente, l’ISTAT diffonde.  Quelle che hanno catturato la mia  curiosità sono le cifre che riguardano le famiglie e gli individui in condizioni di povertà assoluta.

Secondo l’istituto ci sarebbero in Italia circa 4.600.000 individui e 1.600.000 famiglie in condizioni di povertà assoluta.

Ho smanettato il calcolatore ISTAT che definisce la soglia in euro della povertà assoluta divisa per macroregioni,area metropolitana, grandi comuni (50.000-250.00 abitanti) comuni al di sotto dei 50.000 abitanti oltre, naturalmente , i componenti del nucleo familiare.

Io non metto in discussione i criteri adottati, né pretendo che ci si adegui a tutti i costi alla definizione della Banca mondiale che fissa in circa 40 € mensili la soglia –ci mancherebbe!- e nemmeno negare che ci siano grandissimi problemi di indigenza, di esclusione, di migliaia e migliaia di persone che vivono in difficoltà.

Ma un paio di osservazioni le voglio fare. Nei suoi calcoli l’ISTAT ha calcolato l’evasione e l’elusione fiscale: perché non  dare un’occhiata alle dichiarazione dei redditi dei commercianti, dei gioiellieri, dei rivenditori di auto ecc. che dichiarano in media meno dei loro commessi o di un impiegato pubblico o privato?  E il lavoro  e i pagamenti in nero? Sembra incontrovertibile che non viene alla luce una quantità di reddito consistente, che sicuramente cambierebbe in meglio i dati ISTAT. Se non fosse così saremmo all’assalto dei forni, alle rivolte in piazza; insomma in Venezuela.  Per fortuna viviamo in Italia.

Nato a Milano ne 1949, dal 1972 al 1992 sindacalista della Fim Cisl per i successivi anni e fino al 2009 dirigente aziendale. Iscritto a intermittenza dal PCI al PD.

NOTIZIE CORRELATE

Blog

Festa Pesaro torna alla grande: dal 25 agosto al 3 settembre

di Giovanni Gostoli, 22 Ago 2017

Festa Pesaro torna alla grande. Lo splendido centro storico della città accoglierà la Festa Nazionale Enti Locali del Partito democratico. Dieci giorni nei quali Pesaro e le Marche saranno una delle piazze principali del dibattito politico italiano con un programma pieno

Blog

Commentario/Proposta semiseria rivolta agli amici renziani

di Luciano Scalia, 23 Lug 2017

Parevano disgrazie erano opportunità. Tuoni, fulmini, nere nubi si addensano sul nostro Partito e sul suo segretario. Una folta schiera di imbonitori di tutte le razze – giornali e giornalisti, telegiornali e commentatori, politici e politicanti, troll,  cassandre e grilli

Blog

Commentario/Matteo Renzi, “Avanti” e fenomenologia della stampa

di Luciano Scalia, 14 Lug 2017

Lo dichiaro: ho passato una giornata prima ad ascoltare la conferenza stampa di Matteo Renzi per la presentazione del suo libro, e poi a seguire la trasmissione di Enrico Mentana con il segretario come ospite. “Masochista”,  direte voi! Ho fatto